• Sei il visitatore n° 505.822.792
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 22 aprile 2013 alle 22:08

Garlate: oggetti 'sospetti' nella macchina, giovane condannato

È stato giudicato colpevole ai sensi dell'articolo 4 del decreto legge n. 110 del 1975 (Porto di armi od oggetti atti ad offendere) e dovrà pagare per questo una sanzione di 75 euro oltre alle spese processuali. Ad essere finito sul banco degli imputati di fronte al giudice Ambrogio Ceron nella mattinata odierna Manuel C., garlatese di 26 anni, che nel giugno del 2008 è stato trovato in possesso di due oggetti, uno in legno e l'altro metallico, giudicati potenzialmente pericolosi dai Carabinieri che lo hanno fermato durante un controllo di routine. Come hanno raccontato la madre dell'imputato e lo stesso giovane in aula, egli aveva in auto i due oggetti in questione poiché i giorni precedenti aveva effettuato lo sgombero del garage di casa. "Era domenica sera e da Garlate stavo andando dalla mia ragazza a Monte Marenzo" ha spiegato il ragazzo in aula. "A Olginate i Carabinieri mi hanno fermato e hanno perquisito la mia auto e in seguito la casa. Ho spiegato loro poi, in caserma, che sapevo di avere in auto (nell'abitacolo, il baule era occupato intermente dall'impianto stereo) quegli oggetti, rimasti dallo sgombero del garage che avevo effettuato nei due giorni precedenti. Si tratta di un pezzo di legno, forse una parte di un vecchio tavolo, e un altro metallico che può essere appartenuto a un'auto. Li ho sempre visti in garage, che non è a uso esclusivo mio. Erano rimasti in auto insieme ad altri oggetti". Il Pm e l'avvocato difensore hanno chiesto per il ragazzo, incensurato, l'assoluzione ma il giudice ha predisposto diversamente.
R.R.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco