• Sei il visitatore n° 468.187.156
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Domenica 10 ottobre 2010 alle 12:03

Merate: i commercianti di Piazza della Vittoria contro il comune ''Ci avete penalizzato senza ragione''. In Via Trento il primo incidente


E' stata inaugurata con l'investimento di un pedone che stava attraversando la strada per raggiungere Piazza Prinetti, la scelta di tenere aperta al transito Piazza Vittoria e Via Trento nonostante l'afflusso di gente attirate dalla festa del cioccolato. La decisione del comandante Donato Alfiniti, evidentemente avvalorata dal sindaco Andrea Robbiani, ha scatenato le proteste in coro dei commercianti di Piazza Vittoria e Via Trento che, ora, hanno anche annunciato di voler ricevere risposta scritta su quanto accaduto.

La Seat coinvolta nel sinistro

A 48 ore dall'inizio della manifestazione, nonostante la mappa degli eventi previsti per la festa, compresi quelli da svolgersi in piazza Vittoria, fosse stata consegnata l'8 di aprile in comune dal presidente della Pro Loco e nonostante la presenza di consiglieri comunali incaricati di intrattenere i rapporti con la suddetta amministrazione, è giunta la comunicazione che Piazza Vittoria sarebbe rimasta aperta al transito.


E così gli eventi previsti ,  tra cui diversi concerti, sono stati spostati altrove e i commercianti costretti a fare i conti con un passaggio elevato di autovetture e l'impossibilità dei potenziali clienti di transitare da una parte all'altra della piazza confidando sulla zona pedonale. Piazza della Vittoria chiusa, infatti, sarebbe servita anzitutto per permettere ai pulmini dei ragazzi disabili che parteciperanno ai laboratori nel cortile di palazzo Albini di sostare e "scaricare" carrozzine e accompagnatori in tranquillità e sicurezza. Poi, vista la conformazione di uno dei più antichi e suggestivi angoli della città, di regalare uno spazio per concerti di tutti i gusti. Infine di concedere una boccata di ossigeno ai commercianti di quell'area che sale sino a Via Roma che, contando su un maggiore passaggio pedonale, avrebbero potuto sperare in qualche affare in più.


Se a questo si aggiunge come la presenza dei laboratori all'interno del cortile di Palazzo Albini costituisca comunque un potenziale pericolo nell'attraversamento visto il continuo passaggio di famiglie e bambini, si comprende bene l'irritazione dei commercianti e della Pro Loco. E, infatti, come dicevamo ieri ad appena un paio di ore dall'apertura della manifestazione si è verificato il primo incidente. Nonostante non ci fosse ancora la "calca" prevista per domenica pomeriggio, due vigili sono stati costretti su ordine di servizio a presidiare Piazza della Vittoria: uno alla confluenza con Via Trieste, forse per rallentare l'arrivo su Via Trento, e l'altro davanti a palazzo Albini per permettere, "armato" di paletta gli attraversamenti dei pedoni.

VIDEO



Attorno alle 17.30 una donna di mezza età che stava attraversando non si è accorta dell'arrivo di una vettura, una Seat, e così è stata "urtata" riportando una lieve lesione al gomito del braccio sinistro. "C'era da aspettarselo" ha commentato un commerciante "la gente non sa che Piazza della Vittoria è aperta e a dire il vero non lo sapevamo nemmeno noi sino a giovedì sera, e così attraversa senza guardare. I veicoli, poi, sono nascosti dalla curva sino all'ultimo istante e se salgono ad una certa velocità l'investimento è assicurato". "La ragione della chiusura" ha commentato un altro (nei video potete ritrovare le interviste integrali, ndr) "ci è stato detto essere dovuta a motivi di viabilità. Con Via Sant'Ambrogio chiusa per lavori il traffico diretto in Viale Lombardia sarebbe stato bloccato. Invece sarebbe bastato chiudere l'imbocco a ovest di Piazza della Vittoria, quello che porta in Via Trento, e le auto avrebbero potuto raggiungere Via Padre Arlati e sbucare direttamente in Piazza don Minzoni con il parcheggio a disposizione".

VIDEO


"Siamo stati fortemente penalizzati rispetto ai commercianti di Via Manzoni, Via Baslini e Piazza Prinetti"
hanno fatto eco da un altro negozio "Ci era stato detto che avremmo potuto contare sulla zona pedonale e sulla presenza di eventi, almeno una volta all'anno, anche davanti ai nostri negozi. E invece all'ultimo, quando ormai non si poteva più fare nulla, il comandante ha negato alla pro loco l'uso della Piazza. È una vergogna. La situazione è già difficile per tutti. Questa giornata avrebbe potuto rappresentare una buona parentesi per il mese di ottobre e invece nulla. Ringraziamo davvero di cuore l'amministrazione".  Come dicevamo il problema è rappresentato dal pomeriggio quando l'afflusso di gente sarà notevole, complice anche la bella giornata, e il controllo del transito pedonale e non di difficile gestione.
Luisa Biella
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco