Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 364.541.228
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 24/11/20
Merate: 62 µg/mc
Lecco: v. Amendola:42 µg/mc
Lecco: v. Sora: 34 µg/mc
Valmadrera: 41 µg/mc
Scritto Venerdì 21 settembre 2001 alle 16:48

CERNUSCO: ABBANDONATO UN CANE DAVANTI ALL'ESSELUNGA

500mila lire di ricompensa a chi aiuterà a ritrovare i colpevoli

Luigi Riva con in braccio Tatì

Lo hanno abbandonato fuori dall'Esselunga di Cernusco Lombardone, legato ad un palo e con una lettera di accompagnamento. Si tratta di un cane di piccola taglia di circa tre anni d'età dal pelo nero e bianco.
A dare l'allarme il direttore del supermercato che questa mattina, venerdì 21 settembre, quando si è recato sul posto di lavoro ha fatto l'insolita scoperta. Davanti all'esercizio ha infatti trovato il cane abbandonato. Posate in terra, accanto all'animale, una ciotola per l'acqua e il cibo e un bigliettino che spiega le ragioni dell'abbandono. Il direttore dell'Esselunga ha immediatamente chiamato l'accalappiacani provinciale Luigi Riva che ha provveduto a ricoverare la bestiola presso il canile municipale di Merate. "Mi chiami Tatì. Sono buonissima con tutti - si legge nella lettera - e sono rimasta sola". La proprietaria l'avrebbe abbandonata perchè in partenza per l'India e perchè il compagno è allergico al pelo degli animali. Riva tuttavia dubita che la padrona sia realmente diretta in India. "Il messaggio - ha spiegato l'accalappiacani - è scritto sul retro di una ricevuta emessa dall'autolavaggio di Osnago e porta la data del 20 settembre. Perchè uno dovrebbe lavare la macchina alla vigilia di un viaggio tanto lungo? Non credo proprio che i due vadano in India con l'automobile".

La lettera trovata accanto al cane abbandonato

Per cercare di scovare i colpevoli del gesto ha quindi offerto una ricompensa di 500mila lire a chiunque darà informazioni utili per rintracciare i proprietari di Tatì. Già questo pomeriggio chiederà ai gestori dell'autolavaggio se hanno notato una macchina con a bordo il cane abbandonato.
Tatì è stato visitato dal veterinario dell'Asl il dottor Fresia che l'ha trovata in ottime condizioni di salute e ben accudita.
"Prendimi se vuoi, prendimi se puoi" si conclude il messaggio. Chiunque fosse interessato a raccogliere l'invito per prendersi cura del cane, può pertanto rivolgersi presso il canile municipale.
D.D.S.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco