Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 364.539.407
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 24/11/20
Merate: 62 µg/mc
Lecco: v. Amendola:42 µg/mc
Lecco: v. Sora: 34 µg/mc
Valmadrera: 41 µg/mc
Scritto Giovedì 20 settembre 2001 alle 16:38

CASATENOVO: CONCERTO BENEFICO PER L'OPERAZIONE MATO GROSSO 

Venerdì 21 settembre alle 21, presso l'auditorium di Casatenovo in via Casati, il corpo musicale Santa Cecilia di Besana Brianza si esibirà in un concerto di solidarietà per sostenere l'ospedale di Zumbahua in Ecuador, costruito 9 anni fa dall'Operazione Mato Grosso. L'iniziativa è stata organizzata da Alba Usuelli, una delle responsabili del gruppo missionario parrocchiale e attivista dell'Omg. "L'ospedale di Zumbahua - ha raccontato Usuelli - necessita di una nuova sala operatoria e dell'impianto di riscaldamento". La struttura ospedaliera infatti si trova ad oltre 3600 metri di altezza e serve una popolazione di circa 50mila persone distribuita su un territorio molto vasto e impervio. Per portare a termine il progetto occorrono almeno 170milioni di lire, 100 per la sala operatoria provvista di un apposito lettino - acquistato però di seconda mano - e 70 per il riscaldamento. La cifra potrebbe tuttavia aumentare perchè l'ospedale necessita anche di apparecchiature per le radiografie.
"Sono molti soldi - ha detto sempre Usuelli - e non abbiamo certo la pretesa di raccoglierli in una sera, ma il concerto di venerdì è una prima goccia importante".
Da quando è stato inaugurato l'ospedale a Zumbahua, la situazione sanitaria della zona è molto migliorata: la tubercolosi - che prima posizionava l'Ecuador al secondo posto nel mondo per casi riscontrati - è diminuita drasticamente e ora anche le donne si sono abituate a partorire presso il nosocomio, riducendo la mortalità infantile. L'anno scorso il governo del Paese ha cercato di assumere la gestione dell'ospedale, ma fortunatamente l'operazione è stata impedita: "Dare le strutture in mano al governo - ha spiegato la responsabile del gruppo missionario - significa farle chiudere o permettere solo ai ricchi di usufruirne. Negli ospedali dei capoluoghi ad esempio è possibile essere ricoverati solo se provvisti di tutto il materiale necessario agli interventi: garze, siringhe, medicinali, cotone idrofilo...".
E proprio per parlare di queste difficoltà e di quanto fatto fino ad ora, prima del concerto Mauro Bleggi - responsabile dell'ospedale di Zumbahua - illustrerà l'attività svolta in questi nove anni.
Dunque appuntamento a venerdì per il concerto. Con sole 10mila lire del biglietto di ingresso si possono aiutare molte persone e garantire loro un'esistenza più dignitosa.
 
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco