Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 419.679.721
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Venerdì 04 gennaio 2013 alle 17:22

Tragedia in Grigna: scivola sul ghiaccio, precipita e muore

Stava percorrendo la traversata alta verso il Bivacco Merlini sulla ‘ Grigna Settentrionale’ quando con uno dei due amici che erano con lui è scivolato su una lastra di ghiaccio. Mentre l’altro è riuscito a piantare la piccozza bloccando la caduta, lui è scivolato a valle per una quindicina di metri per poi precipitare per altri dieci e quindi scivolare sul pendio per un altro centinaio di metri. Così ha perso la vita nel primissimo pomeriggio di oggi un escursionista di Meda (Monza-Brianza), Antonio A., 60 anni che, approfittando della bella giornata aveva deciso di trascorrerla coltivando la sua passione per la montagna. Secondo quanto ricostruito, i tre escursionisti stavano raggiungendo il bivacco Cazzaniga-Merlini quando una lastra di ghiaccio, resa instabile dal rialzo termico degli ultimi giorni, non ha retto al loro peso staccandosi e facendo perdere l’equilibrio a due di loro. Il 60enne è così precipitato finendo in un pendio ricoperto dalla neve che ha in parte attutito l’impatto tanto che l’uomo non è deceduto subito. A lanciare l’allarme l’unico dei tre che non era scivolato e che ha chiamato il Soccorso Alpino della XIX delegazione lariana. Sul posto è stato fatto intervenire anche l’elicottero del 118 di Villa Guardia (Como) dal quale è stato calato il medico. A quel punto però, il 60enne era già deceduto. Gli altri due escursionisti sono stati recuperati e portati a valle in stato di choc con lo stesso velivolo. Prima di procedere al recupero della salma si è invece dovuto attendere il nullaosta del magistrato di turno alla Procura di Lecco.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco