Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 344.274.716
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 07/07/2020

Merate: 16 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 14 µg/mc
Lecco: v. Sora: 10 µg/mc
Valmadrera: 16 µg/mc
Scritto Venerdì 26 gennaio 2001 alle 15:57

BRIVIO: RESTAURO PER LA CHIESA DI BEVERETE

I fedeli hanno raccolto 283 dei 600 milioni necessari
 
 
Partiranno fra pochi giorni i lavori di restauro della chiesa parrocchiale di Beverate dedicata ai SS. Margherita e Simpliciano. Un intervento che riguarda la ristrutturazione di tutte le facciate della chiesa e che, secondo il preventivo, dovrebbe costare alle casse parrocchiali qualcosa come 600 milioni.
Per raccogliere l'enorme cifra, don Luigi Oggioni, già tre anni fa ha aperto a tutti i parrocchiani una sottoscrizione. Fino ad oggi, la bontà dei beveratesi è riuscita a fruttare quasi 300 milioni, 283 per l'esattezza.
Oltre il portone che immette nella chiesa di Beverate, sul lato sinistro della navata centrale, appeso alla parete c'è un grande prospetto dei lavori. Suddiviso in quadratini, la metà dei quali colorati con un evidenziatore giallo, il prospetto ricorda ai fedeli che entrano in chiesa a pregare che la strada da percorrere è ancora lunga.
«Posso comunque dirmi soddisfatto - dice don Luigi Oggioni. - Buona parte delle famiglie di Beverate, chi con versamenti mensili e chi con donazioni annuali, ha fatto la sua parte. Non appena arriveremo a quota 300 milioni, anche su consiglio della Curia, accenderemo con una banca un mutuo quinquennale e daremo inizio ai lavori. Un grosso aiuto ci verrà inoltre dalla fondazione «Vismara» di Milano che ci darà 50 milioni».
Il restauro durerà probabilmente sino alla fine dell'anno. Ma don Luigi avverte: «Anche quando i lavori saranno terminati, i fedeli si dovranno ricordare che a carico della parrocchia continueranno ad esserci i mutui da pagare». Un chiaro invito ai fedeli, quindi, a continuare sulla buona strada intrapresa da oltre tre anni: un posto in cielo lo si guadagna anche così.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco