Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 389.885.355
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 15/04/2021
Merate: 17 µg/mc
Lecco: v. Amendoa: 11 µg/mc
Lecco: v. Sora: 10 µg/mc
Valmadrera: 11 µg/mc
Scritto Lunedì 03 dicembre 2012 alle 16:04

Brivio: 45 volontari coinvolti nell'operazione 'Fiumi sicuri'

Sono stati ben 45 gli uomini (ma tra loro c’era anche qualche volonterosa signora che non si è lasciata intimorire dal fango e da un lavoro non certo, convenzionalmente, femminile) che hanno preso parte all’operazione svoltasi nella mattinata di sabato 1 dicembre sul territorio comunale di Brivio nell’ambito del progetto “Fiumi Sicuri 2012”.

La pulizia degli argini e dell’alveo del torrente Corna è stata la loro “prima missione” a cui si è affiancato un’ulteriore intervento di “manutenzione” di un tratto della roggia Bevera, nel pressi del confine con il comune di Airuno.

Due quindi i gruppi formatisi con “campo base” a Beverate, nell’area della Prada, alle spalle dell’area industriale che costeggia la strada statale che conduce a Lecco. Avendo il progetto valenza provinciale, quest’oggi i volontari della Protezione Civile intercomunale di Imbersago hanno potuto fare affidamento anche sul supporto di “braccia fresche” provenienti dai gruppi di Lomagna, Mandello, Cortenova e dalla Valle San Martino.

Insieme hanno quindi lavorato, dal mattino fino all’imbrunire per la rimozione di rovi e di tutto quel materiale potenzialmente pericolo in quanto ostacolo per il corretto scorrimento delle acque.

A detta degli stessi operatori, la zona necessitava di un intervento “intensivo” di questo genere che dovrebbe però avvenire in forma coordinata anche con le altre amministrazioni comunali sui cui territori le rogge scorrono per evitare esondazioni indesiderate in aree di a valle o più a monte.

A.M.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco