Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 339.397.461
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 19/05/2020

Merate: 18 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 12 µg/mc
Lecco: v. Sora: 15 µg/mc
Valmadrera: 13 µg/mc
Scritto Lunedì 26 novembre 2012 alle 23:03

Merate: diffamazione al supermercato per un mobile antico. 92enne condannata

E' stata condannata alla sanzione di 200 euro, oltre al pagamento delle spese processuali e al risarcimento dei danni, la contessa L.C.B.
Questa mattina la donna, imputata in un procedimento davanti al giudice di pace di Missaglia, è intervenuta in aula raccontando la sua verità rispetto ai fatti a lei contestati. Una versione che sembra però non aver convinto il dottor Bagalà, che l'ha ritenuta responsabile.
L'episodio risale al 2005 quando la donna, oggi 92enne, porta un mobiletto antico da restaurare a un esperto, uno dei querelanti appunto, e al momento del ritiro non lo riconosce e ritiene che sia stato sostituito con un altro di minor valore e comunque non con gli stessi pregi del primo. Pochi giorni dopo la nobildonna incontra la moglie dell'uomo, commessa in un supermercato del centro di Merate, e pronuncia frasi offensive, alla presenza di altre persone, raccontando quanto accaduto con il mobile sostituito. La donna, allora, tornata a casa, riferisce al marito l'accaduto che presenta querela per diffamazione.
Questa mattina come dicevamo, è stata sentita l'imputata che ha negato di aver offeso la querelante mentre era alla cassa del supermercato. ''La signora non c'entrava nulla con quella storia, perchè avrei dovuto inveire contro di lei?'' ha domandato la nobildonna. ''Quel linguaggio oltretutto non rientra nel mio vocabolario''.
Il pubblico ministero Leonardo Piazza ha chiesto per l'imputata il pagamento di una sanzione di 200 euro, in considerazione della presenza di clientela all'interno del supermercato, situazione tale da ritenere fondata l'accusa di diffamazione.
Il legale della difesa invece ha affermato di non concordare sull'esposizione dei fatti contestati all'anziana. ''Nessuno oltre alla querelante è venuto qui a confermare di aver assistito alla scena. La signora non ha mai proferito quelle parole perchè non le appartengono, non le ha mai pronunciate in vita sua. Chiedo quindi l'assoluzione per la mia assistita''.
Il giudice Bagalà, come da richiesta del Pm, ha invece ritenuto la donna colpevole.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco