Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 98.710.757
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
 
redazione
Via Carlo Baslini 5
Merate (Lc)

Tel. 039 990.28.81
Fax. 039 990.28.83
P. Iva 02533410136

I nostri nomi
link utili
bandi e concorsi
annunci di lavoro
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 12/05/13

Merate: 10 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 09 µg/mc
Lecco: v. Sora: <9 µg/mc
Valmadrera: 7 µg/mc
Moggio: 3 µg/mc
Scritto Lunedì 31 maggio 2010 alle 21:36

La sindrome della
``fine del mese``

immagine 10808
Mons. Franco Cecchin


* *Sta crescendo nel nostro paese il numero di coloro che temono la fine del mese, cioè la difficoltà di avere un bilancio familiare che comprenda gli ultimi giorni del periodo e questo anche nella nostra città di lecco.

E` classica ormai questa espressione: " Non mi è facile arrivare alla fine del mese con i soldi giusti".

Alla porta della nostra parrocchia bussano non soltanto migranti, ma anche Italiani che manifestano le loro difficoltà economiche.

Insomma, è cresciuto il caro-vita ed è diminuito il potere di acquisto di molti salari.

Le situazioni non sono tutte uguali, ma ci sono oggi nel nostro Paese redditi al minimo vitale.

Le voci di questo peso che grava su molti bilanci familiari sono: l`affitto, le spese per i servizi, le tariffe elettriche, le spese per i figli a scuola...

Mi rendo conto sempre di più che con uno stipendio solo, in certe situazioni, non si riesce ad andare avanti.

In genere si dice che altrove, in continenti specifici come l`Asia e l`Africa, i salari sono inferiori ai nostri, ma si dimentica di dire che in Cina, ad esempio, la casa, i medicinali, il riscaldamento compongono l`onere per lo Stato.

Va da sé che un`economia di sussistenza - soprattutto in questo periodo di grave crisi economica -- crea tra i tanti svantaggi due in un modo particolare: da una parte fa diminuire i consumi e quindi il lavoro, dall`altra parte priva molti settori della popolazione di quelle risorse e di quei beni che molti hanno.

Tutto ciò diventa più penoso se pensiamo che nel nostro Paese esistono stipendi di favola, sia a livello pubblico che a livello privato.

Le differenze che offendono l`equità sono una vergogna. Certi rimborsi spese in comitati di promozione pubblica sono oltremodo scandalosi e così, mentre tutti temono l`aumento delle tariffe, ci sono categorie di persone sfiorate da nessuna paura, poiché per loro tutto è gratuito.

Che fare? Certamente la nostra situazione italiana risente di quella europea e mondiale, e non è questa la sede per affrontare certi problemi anche nei loro aspetti nazionali.

A me qui interessa, come pastore e come cittadino di Lecco, interrogarmi se alcune realtà familiari in difficoltà economica, nel nostro territorio, siano limitate, o se coinvolgono un maggior numero di famiglie e se si può fare qualcosa oltre l`aiuto immediato.

Sicuramente non possiamo disinteressarci: queste famiglie fanno parte della nostra comunità. Più volte abbiamo incoraggiato a sostenere il " Fondo Famiglia Lavoro" dell`Arcidiocesi, ad accogliere le indicazioni del nostro Arcivescovo sullo stile di " solidarietà" e di "sobrietà" e a pensare in grande il presente e il futuro della nostra Lecco.

La fraternità si esprime, infine, in una condivisione intelligente che analizza la situazione concreta e trova delle possibili soluzioni che responsabilizzano gli interessati e li rendono maggiormente protagonisti.



mons. Franco Cecchin



© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco