Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 98.710.757
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
 
redazione
Via Carlo Baslini 5
Merate (Lc)

Tel. 039 990.28.81
Fax. 039 990.28.83
P. Iva 02533410136

I nostri nomi
link utili
bandi e concorsi
annunci di lavoro
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 12/05/13

Merate: 10 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 09 µg/mc
Lecco: v. Sora: <9 µg/mc
Valmadrera: 7 µg/mc
Moggio: 3 µg/mc
Scritto Mercoledì 26 maggio 2010 alle 16:04

Arlate: forti odori e rumore al depuratore di
Via Adda, 7 cittadini esigono risposte

Un rumore continuo e persistente e un cattivo odore che nelle prime ore del mattino si fa insopportabile. Sono questi gli "inconvenienti" del depuratore di Via Adda che alcuni residenti di Arlate hanno segnalato in più occasioni presso il comune di Calco, senza mai ottenere risposte chiare su come risolvere il problema.

 

 

 

 

Il depuratore di via Adda

 

 

 

Ora in 7 hanno scritto una lettera al sindaco per farsi ricevere e cercare di trovare una soluzione. "Da un paio di mesi a questa parte c`è qualcosa che non va" hanno spiegato alcuni dei residenti lungo Via Nuova Provinciale, le cui abitazioni si affacciano direttamente sulla scarpata boschiva che conduce al depuratore. "Prima si sentiva soltanto l`acqua in movimento, ora c`è un forte rumore proveniente dalla turbina che dà molto fastidio. Di notte fortunatamente il tutto si ferma, ma il mattino quando il congegno riparte l`odore è davvero insopportabile, non riusciamo ad aprire le finestre".

 

 

VIDEO

 

 

 

Ma i problemi non si limitano ai disturbi olfattivi e uditivi. "Fino a due mesi fa la ditta convenzionata con il comune si occupava dello smaltimento dei fanghi ogni 15 giorni circa, ora da due mesi non vediamo più nessuno e la stessa composizione dei fanghi nella vasca di raccolta è cambiata, abbiamo il sospetto che il depuratore non funzioni più a dovere. Si tratta di una struttura vecchia e sovraccarica per il grande volume di liquami che deve gestire, provenienti dal centro storico di Arlate e dalle nostre abitazioni. Sono un paio di mesi che segnaliamo la situazione in comune, ci rispondono sempre molto vagamente che `tanto poi si farà il nuovo allacciamento` a spese di Esselunga. Già, ma quando? Non pretendiamo che i lavori siano completati domani, ma almeno che siano risolti i problemi del depuratore attuale.  Siamo preoccupati anche per la problematica delle zanzare, che in caso di scarsa manutenzione potrebbero moltiplicarsi ancora più del solito". Il sindaco Gilberto Fumagalli si è detto disponibile a ricevere i cittadini e a rispondere loro in merito, anche se difficilmente potrà fornire prospettive temporali sulla costruzione del nuovo tratto fognario. "Collegherà la zona di Arlate nei pressi del campo sportivo ad una nuova stazione di pompaggio collocata in prossimità di Via Adda, che farà defluire le acque verso la tubazione lungo Via nuova Provinciale e da lì al depuratore di Adda Acque del Toffo" ha spiegato il primo cittadino calchese. "Ma i lavori di realizzazione sono vincolati alla costruzione dell`Esselunga, che al momento non ci ha ancora fornito un progetto o una tempistica di inizio lavori".

 

 

 

 

 

 

Per quanto riguarda la soluzione delle problematiche relative al depuratore attuale, sarà cura dell`amministrazione effettuare un sopralluogo e verificare ciò che si può fare per risolvere i problemi evidenziati dai cittadini. "La situazione è spiacevole anche perché proprio da qui passa il "sentiero natura" segnalato dall` amministrazione con tanto di cartelli, che porta alle sponde dell`Adda" ha spiegato uno degli arlatesi interessati. "Spesso bambini e scolaresche vengono a passeggiare e osservare la natura, ma ultimamente sostano ben poco in questo tratto a causa del forte odore".

 

R.R.

 

Questo il testo della lettera a firma di 7 cittadini, in cui invitano il primo cittadino a recarsi a cena da loro per rendersi conto della situazione in cui vivono:

 

Gentile Sindaco,
nonostante la mia segnalazione e-mail dell`11 marzo u.s. al Sig. Magni dell`Ufficio Tecnico, nonostante la mia lettera (con ulteriori 6 firmatari) del 30 marzo u.s. a Lei direttamente, nonostante la segnalazione verbale, direttamente in Comune, di alcuni abitanti di Via Nuova Provinciale 31 il rumore e l`odore segnalati NON sono diminuiti e persistono tuttora..............e nessuno si è degnato di darci un minimo di risposta.

Sono pertanto a chiederLe un incontro per sabato mattina 29 maggio p.v. (in modo da permettere la presenza anche di qualche altro firmatario) onde avere informazioni su "cosa sta succedendo e cosa si intende fare" da parte dell`Amministrazione Comunale per ovviare agli inconvenienti segnalati, visto che riguardano in primo luogo la salute dei cittadini.

Sarebbe anche opportuna la presenza dell`Assessore ai Lavori Pubblici-Urbanistica, in modo da avere un quadro completo della situazione: allacciamento / lavori da farsi / tempificazione relativi al nuovo Depuratore.

Ho avuto anche un suggerimento interessante, che Le giro : "invitarla per una settimana, a cena, a turno tra i firmatari". Forse rendersi conto direttamente della realtà si può avere un`idea precisa di ciò di cui si sta parlando e dell`importanza del problema sollevato.

Grazie per l`attenzione a attendo Sua conferma dell`incontro.



Lettera firmata

 



© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco