Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 98.710.757
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
 
redazione
Via Carlo Baslini 5
Merate (Lc)

Tel. 039 990.28.81
Fax. 039 990.28.83
P. Iva 02533410136

I nostri nomi
link utili
bandi e concorsi
annunci di lavoro
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 12/05/13

Merate: 10 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 09 µg/mc
Lecco: v. Sora: <9 µg/mc
Valmadrera: 7 µg/mc
Moggio: 3 µg/mc
Merateonline > Associazioni > Fabio Sassi
Scritto Martedì 25 maggio 2010 alle 12:20

Merate: la ``Piramide Rovesciata``
racconta l'olocausto

immagine 10523
Da sinistra: Arianna Cavallo, Fabrizio Rizzolo, Elena Redaelli e Libero Stelluti


Un'affollatissima chiesa di Santa Marta ha ospitato la prima assoluta della lezione teatrale ?La Piramide Rovesciata?, il racconto sul dramma dell'olocausto ispirato all'esperienza di Roberto Camerani presentato dall'associazione ?Variazioni sul Tema? domenica 23 maggio.

 

 

 

L'evento è stato aperto dal saluto dell'assessore alla cultura del comune di Merate Giuseppina Spezzaferri, che ha patrocinato la manifestazione. A seguire, sono intervenuti il Presidente dell'associazione Fabio Sassi Domenico Basile e, per l'associazione R. Camerani, Gianpiero Soglio, che ha introdotto il racconto ricordando l'importante figura di Roberto Camerani.

Toccante e suggestivo, lo spettacolo ha affascinato i presenti tra monologhi, filmati, musiche di repertorio e passi di danza, che hanno raccontato la vita del giovane Roberto, dalla militanza nel fascismo alla successiva presa di coscienza dell'orrore della dittatura, per arrivare all'incarcerazione e alla terribile deportazione nei campi di concentramento di Mauthausen ed Ebensee. Nel cast Fabrizio Rizzolo nel ruolo di Roberto Camerani, Elena Redaelli, che ha curato anche i testi e la regia, Arianna Cavallo, che ha curato anche le coreografie e Libero Stelluti.

 

 

 

?Ciò che la Storia può insegnare è racchiusa in questo racconto d'uomo tra le infinite storie di uomini, nell'esperienza umana di chi sulla sua strada ha incontrato i campi di sterminio ed ha saputo accettare quanto accaduto spinto dal desiderio di raccontare ai più giovani cosa c'è sotto la piramide una volta che si ha il coraggio di rovesciarla: una vita che è meravigliosa così com'è.?

L'evento è stato realizzato con il patrocinio del comune di Merate, grazie al supporto delle associazioni ?Fabio Sassi ONLUS?, ?Roberto Camerani? e ?Ronzinante?, e con il contributo di ?Solas - Vernici Naturali?.



Associazione correlata:
- Fabio Sassi
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco