Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 404.281.344
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 22/07/2021
Merate: 23 µg/mc
Lecco: v. Amendoa: 23 µg/mc
Lecco: v. Sora: 23 µg/mc
Valmadrera: 23 µg/mc

Scritto Venerdì 02 novembre 2012 alle 22:08

Lecco: 4 arrestati per spaccio di stupefacenti

Nella mattinata del 30 ottobre, i carabinieri del nucleo investigativo del comando provinciale di Lecco, con la collaborazione dei colleghi della tenenza di Seriate, delle stazioni di Valmadrera e Calolziocorte e del nucleo cinofili di Casatenovo, hanno arrestato quattro persone responsabili di detenzione e spaccio di stupefacenti, in esecuzione dell'ordinanza di applicazione della custodia cautelare emessa nei giorni scorsi dal Gip del Tribunale di Lecco.
Gli arrestati sono una coppia residente a Pedrengo (Bg), S.A. 32enne originaria di Torre Annunziata (Na) ed il proprio convivente, il 26enne tunisino D. M. Z., un giovane residente ad Oliveto Lario (Lc), P.M. di 32 anni, ed infine un altro cittadino tunisino di 49 anni, Z.S., anch'esso residente a Oliveto ma di fatto domiciliato a Lecco, tutti con precedenti specifici in materia di stupefacenti.
Il provvedimento e' frutto di un'attività d'indagine avviata all'inizio di quest'anno dai militari del nucleo investigativo, sulla scia di un'analoga attività investigativa volta al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti che si era appena conclusa.
nell'ottobre del 2011 infatti i carabinieri del nucleo investigativo del comando provinciale avevano arrestato il pregiudicato Amitrano Marco, 35 enne originario di Torre Annunziata, recuperando 11 panetti di hashish per un peso di poco superiore al chilo ed un bilancino di precisione usato per predisporre le dosi.
Lo scrupoloso esame degli atti d'indagine relativi a quell'operazione posto in essere dai carabinieri del nucleo investigativo ha permesso loro di individuare la provenienza dello stupefacente rinvenuto e sequestrato. Su tale nuovo spunto investigativo si e' quindi concentrata l'attenzione dei militari che si sono messi subito al lavoro.
L'intensa attività condotta dai carabinieri, svolta soprattutto con sistemi "tradizionali" quali pedinamenti e servizi di osservazione, tanto in questa provincia che in quella di Bergamo, ma anche con l'ausilio di attività tecniche di intercettazione, che si sono protratte per alcuni mesi, ha consentito di accertare come S.A., con la collaborazione del convivente, gestisse un vasto commercio di stupefacenti, praticando numerose cessioni di droga, di modesti quantitativi, in favore di un cospicuo numero di clienti abituali.
L'indagine ha permesso nel contempo di individuare un ulteriore canale di approvvigionamento dello stupefacente, utilizzato dal giovane italiano di oliveto, P.M., entrato quindi a pieno titolo nell'indagine, quale acquirente/spacciatore. A confermare le sue responsabilità in ordine ai reati contestatigli il sequestro operato nei suoi confronti di ben 100 grammi di hashish, dei quali e' stato trovato in possesso in occasione di un controllo eseguito dai carabinieri il 26 maggio 2012. Ulteriore sequestro di stupefacente era stato effettuato il 15 maggio precedente nei confronti di P.S. e M.R.; anche in tale circostanza la cessione della droga era avvenuta ad opera di P.M.
Il tunisino domiciliato in Lecco, anch'egli utilizzatore dell'ulteriore canale di approvvigionamento dello stupefacente, e' stato invece inchiodato dalle intercettazioni, che hanno permesso di confermare la sua attività di spaccio, poi confermata da svariati "acquirenti".
Il blitz che ha portato all'arresto dei quattro e' scattato all'alba; sorpresi nelle proprie abitazioni gli arrestati non hanno opposto alcuna resistenza.
Al termine delle formalità burocratiche due dei quattro arrestati, la donna ed il giovane italiano, sono stati posti agli arresti domiciliari, mentre i rimanenti due sono stati invece tradotti rispettivamente alla case circondariali di Bergamo e Lecco.
Per tutti, ora a disposizione dell'autorità giudizia, l'accusa e' di detenzione e spaccio di stupefacenti.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco