Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 429.139.808
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Venerdì 19 ottobre 2012 alle 20:07

Calolzio: minaccia di morte l’ex fidanzata e la sua famiglia, un giovane egiziano in arresto per maltrattamenti e persecuzione

Non sopportava che il loro sogno d'amore si fosse infranto, non accettava che la donna da lui amata se ne fosse andata via. Per questo ha iniziato a minacciarla, prima al telefono poi sempre più insistentemente, con una escalation di azioni persecutorie nei suoi confronti e verso la sua famiglia che ha profondamente influenzato la vita della giovane de dei suoi cari. Non è bastato impedirgli di abitare a Calolziocorte, per farlo desistere e dimenticare. Per lui nella mattinata di venerdì 19 ottobre è scattato l'arresto. Un pizzaiolo egiziano di 28 anni, regolarmente in Italia, è stato portato nel carcere di San Vittore per ripetuti maltrattamenti e minacce aggravate nei confronti della sua ex fidanzata e della sua famiglia. Tutto è iniziato quando la ragazza, una italiana di 23 anni con cui il giovane conviveva insieme al loro bambino, è tornata a vivere dai i suoi genitori insieme al piccolo a causa del comportamento possessivo dell'egiziano, che aveva minato dalle fondamenta il loro rapporto. Il ragazzo infatti non tollerava lo stile di vita e le abitudini della giovane e a seguito della separazione ha iniziato a perseguitarla, prima al telefono poi con sempre maggiore insistenza, per farla tornare sui suoi passi. La giovane si è rivolta alle forze dell'ordine quando, nel mese di maggio scorso, il pizzaiolo coltello alla mano ha minacciato lei e la sua famiglia di uccidere tutti se la situazione non fosse tornata come prima. Una squadra mobile della Questura di Lecco ha dunque avviato un'attività di indagini mirate da una parte a verificare la veridicità dei fatti, dall'altra a offrire alla ragazza una tutela dal suo persecutore. Il giovane è stato denunciato all'autorità giudiziaria per maltrattamenti in famiglia e minacce aggravate, e gli è stato imposto il divieto di abitare nel comune di Calolziocorte. Dopo un breve periodo di tranquillità, il molestatore è tornato a minacciare l'intera famiglia di morte e, a seguito del monitoraggio costante della situazione da parte degli agenti della squadra mobile, il pubblico ministero titolare dell'indagine ha emesso l'ordinanza di custodia cautelare. Il ragazzo è dunque stato arrestato e portato a San Vittore, da cui non potrà più nuocere alla sua ex ragazza e alla sua famiglia.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco