• Sei il visitatore n° 474.828.646
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Mercoledì 05 settembre 2012 alle 19:50

Adesso amici leghisti relegateci silenzio e immobilità assoluta

L'ingorgo a Cernusco

Dio esiste. La prova inconfutabile è che scatena puntualmente le forze della natura ogni volta che è provocato con iniziative comunali cazzute. Evidentemente quella della corsa padana rientra tra le iniziative che lo hanno irritato. E del resto come dare torto al Sommo: solo degli insensati possono mettere a ferro e fuoco un'intera città in un giorno lavorativo soltanto per fare arrivare in centro i ciclisti di una manifestazione di partito - perché per quanto se ne dica è di partito - cui non frega niente a nessuno tolto gli amanti della due ruote, quelli che si ostinano a definirsi padani dopo 15 anni di Lega al governo e il "so tutto io" che siede a Palazzo Tettamanti il quale anche attraverso questa manifestazione tenta di scalare i vertici del Carroccio per agguantare un posto al sole e non dover tornare in fabbrica alla fine del mandato. Gli esempi, di professionisti della politica in camicia verde del resto non mancano, personaggi che da vent'anni non si schiodano dalle comode poltrone del Pirellone e del Parlamento.


Andrea Robbiani si è convinto che ora tocca a lui accomodarsi. Così una mattina sì e l'altra anche partecipa a trasmissioni televisive dove sproloquia di eludere il Patto di stabilità se, beninteso, lo eludono almeno altri tremila comuni e di non pagare l'Imu se, ovviamente, non la fanno pagare altri quattromila comuni. Nelle more di questa rivoluzione, giusto per coerenza, ha pensato bene di varare l'aliquota più alta in provincia di Lecco, 0,91% su tutti gli immobili diversi dalla prima casa, bastonando anche i proprietari del solo alloggio in cui abitano con un  bel 0,48% contro lo 0,40% dell'aliquota prevista dal Governo (che avrebbe potuto abbassare fino allo 0,20%). C'è da chiedersi come sia possibile dargli ancora ascolto. Intanto, mentre lui dalla tribuna si concede a tele e videocamere tutt'intorno il traffico è rimasto paralizzato per oltre due ore. Ingorghi spaventosi in un giorno lavorativo (non per Lui che vive di politica) con migliaia di auto, autocarri, bilici, autotreni incolonnati, costretti a giri dell'oca anche non previsti dall'ordinanza sindacale a causa di divieti posti all'imbocco di strade portanti come via Verdi. La colonna discendente alla rotonda del Ceppo si è trovata a dover ruotare attorno e tornare a risalire la corrente oppure ridiscendere verso i doppi semafori di Cernusco dove si è creato un caos allucinante. Cosa sia costata alla collettività quest'ennesima iniziativa folcloristica non è dato sapere. Ma certo molto visto lo spiegamento di mezzi delle forze dell'ordine. E' tuttavia servita a dimostrare semmai ve ne fosse ancora bisogno l'assoluta inadeguatezza della struttura organizzativa del comune di Merate. Ieri abbiamo documentato come non vi fosse nei fatti alcuna informativa alla cittadinanza tanto che soprattutto a Sartirana molti erano convinti che dovessero asfaltare Via Volta e dintorni; oggi abbiamo assistito al bis della confusione con blocchi improvvisi e non previsti del traffico, deviazioni "ad minchiam" che hanno creato imbuti impressionanti su Via Arnaboldi, via don Consonni, Via Laghetto, Via Gramsci, Via Santa Maria di Loreto.

Via Parini chiusa al traffico

Ora eleviamo una preghiera con l'auspicio che sia accolta dai cervelloni che ci governano: regalateci il vostro immobilismo, il vostro silenzio. Lasciateci lavorare. Non chiediamo altro. Abbiamo pagato l'Imu senza discutere, l'addizionale Irpef senza fiatare, corrispondiamo puntualmente la tassa rifiuti e il canone dell'acqua potabile. Non ci lamentiamo per i buchi nelle strade. Chiediamo solo che non vi sforziate più di farci divertire. Va bene così, avete già dato. Anche oggi avete fatto la felicità di oltre duecento persone che hanno assistito all'arrivo della gara padana (mentre altre duemila imprecavano come carrettieri). Adesso tirate a campare fino alla primavera del 2014. Molto probabilmente il non fare nulla vi porterà più voti che continuare a fare qualcosa. In agguato c'è sempre la nuvoletta di fantozziana memoria.
C.B.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco