Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 348.104.295
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 04/08/2020

Merate: 8 µg/mc
Lecco: v. Amendola: < 2 µg/mc
Lecco: v. Sora: < 2 µg/mc
Valmadrera: 2 µg/mc
Scritto Lunedì 26 marzo 2001 alle 17:57

MERATE: RAPINATA LA BANCA NAZIONALE DEL LAVORO



La filiale meratese della Bnl. Sotto s'intravede la cassa 1,
dove è avvenuta la rapina

Rapina stamane, lunedì 26 marzo, alla Banca Nazionale del Lavoro di Via Bergamo di Merate. Attorno alle 9.30, due individui a volto scoperto, armati di taglierino, sono entrati nella filiale della banca romana, che si trova nei pressi della Città mercato e a qualche centinaio di metri dalla caserma dei carabinieri. Si sono diretti verso la cassa numero 1 ed hanno intimato al cassiere di consegnarli i soldi. L'impiegato ha obbedito consegnando però solo i contanti di cui poteva rapidamente disporre. Arraffato il malloppo, sembra di circa 12 milioni, i due banditi sono usciti dalla banca fuggendo a bordo di un'auto. La ricostruzione della vicenda è ancora sommaria soprattutto perché, sia gli impiegati della Bnl, che gli investigatori non hanno ancora rilasciato dichiarazioni. Sono attesi i funzionari della banca dalla filiale capofila di Como per l'ispezione di rito; nel frattempo, i carabinieri hanno chiesto l'intervento della Scientifica per rilevare le impronte digitali che forse i malviventi hanno lasciato sul bancone ed esaminare il nastro della telecamera piazzata sopra l'ingresso che dovrebbe aver fissato le immagini dei due rapinatori.

© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco