Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 348.138.247
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 04/08/2020

Merate: 8 µg/mc
Lecco: v. Amendola: < 2 µg/mc
Lecco: v. Sora: < 2 µg/mc
Valmadrera: 2 µg/mc
Scritto Lunedì 26 marzo 2001 alle 15:48

OLGIATE: BRAMBILLA SFIDA GAVAZZI


Il candidato della lista ulivista «Uniti per Olgiate» ha finalmente un nome, un cognome e un volto. Si tratta di Alessandro Brambilla, 62 anni, vedovo con due figli maschi, entrambi laureati in ingegneria e, attualmente, pensionato.
Dopo mesi e mesi di voci, durante i quali si erano fatti innumerevoli nomi di candidati, «Uniti per Olgiate» ha finalmente deciso di venire allo scoperto e di dichiarare apertamente il proprio candidato.
Contrariamente a quanto si era pensato fino a poco tempo fa, non sarà Emanuele Panzeri a guidare il gruppo ulivista. Forse troppo giovane, forse con un'esperienza limitata alle spalle, alla figura del giovane architetto, assessore ai Lavori pubblici e all'Urbanistica, l'entourage ulivista ha preferito un nome di maggior spessore politico.
Brambilla, infatti, pur essendo rimasto per molto tempo lontano dalla vita politica, di politica ha vissuto per anni. Verso la metà degli anni '80, infatti, ricopriva il ruolo di assessore al Bilancio. Poi, probabilmente in seguito alla scomparsa della moglie, investita mortalmente in via Cesare Cantù, ha preferito dedicare interamente il suo tempo alla famiglia e crescere i propri figli. Ora che i figli si sono laureati, è pronto a tornare alla carica e a gareggiare per la poltrona di primo cittadino.
Nel frattempo, comunque, Brambilla non è affatto rimasto inattivo. Presente nel consiglio pastorale della parrocchia di San Zeno, è stato anche presidente del gruppo folcloristico Firlifeù la Brianzola.
«Abbiamo scelto Brambilla - ha dichiarato Manlio Magni, attuale vicesindaco - perché lo reputiamo una persona seria, affidabile, volenterosa e impegnata nel sociale. Inoltre, il nostro candidato ha grandi capacità relazionali ed è poco accentratore».
Parole, queste ultime, che rinviano direttamente al carattere forse un po' troppo burbero del sindaco uscente, Renato Sala.
A giocare un ruolo determinante nella scelta finale del candidato sindaco ulivista deve essere stata anche la vicenda della strada di Porchera. Candidando un uomo di San Zeno, molto probabilmente, il centro sinistra spera di raccogliere voti anche in quella zona del paese.
La prossima settimana, o al più tardi la successiva, il gruppo convocherà una nuova assemblea. In quell'occasione, Brambilla esporrà il proprio programma di governo e comunicherà la lista dei consiglieri candidati.
La sfida, dunque, è aperta: il centro-sinistra sta con Brambilla, il centro-destra ha invece scelto Guido Gavazzi.
Malacoda
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco