Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 348.138.100
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 04/08/2020

Merate: 8 µg/mc
Lecco: v. Amendola: < 2 µg/mc
Lecco: v. Sora: < 2 µg/mc
Valmadrera: 2 µg/mc
Scritto Martedì 27 marzo 2001 alle 15:43

UNA DONNA GUIDERA' LA CASA DELLE LIBERTA'

Sarà una donna, Rita Pettinato, a guidare la «Casa delle libertà» alla conquista di Perego. Sposata, quarant'anni, Pettinato è da oltre un anno a capo della sezione leghista «La Valletta» di Perego, Santa Maria Hoè e Rovagnate.
Alla sua prima esperienza politica in amministrazione, Pettinato afferma di essere arrivata alla candidatura come primo cittadino quasi per caso. Quando il capogruppo leghista, Angelo Panzeri, le ha chiesto la disponibilità, non ha saputo dire di no. «In fondo - ha dichiarato Pettinato - essendo io segretario di sezione, mi è parso normale accettare».
Nei prossimi giorni, forse addirittura domani, dovrebbero essere comunicati alla stampa i nomi dei consiglieri candidati. Già da ora, comunque, vi è qualche certezza relativamente alla composizione dell'esecutivo. Della giunta dovrebbero fare parte Marco Fusi, Roberto Rizzo, Claudia Brivio e Sergio Perego. Angelo Panzeri dovrebbe candidarsi come semplice consigliere, ma non è detto che non voglia la poltrona di vicesindaco. Adamo Tombini, invece, capogruppo della minoranza fino a poco tempo fa e protagonista di numerose battaglie dialettiche nel corso dei consigli comunali più infuocati, non dovrebbe nemmeno essere nella partita.
Quante chance ha il gruppo di conquistare il potere? Panzeri è ben oltre ogni ottimismo. Secondo lui, l'altro gruppo non dovrebbe nemmeno candidarsi, perché non ha alcuna possibilità di vittoria. Più cauta e ponderata Pettinato, che dice di volere aspettare.
Ora che tutti è due i gruppi sono scesi in campo, mostrando le proprie carte, la battaglia è aperta. Ma Rita Pettinato avrà l'appoggio leale anche di Forza Italia? Sulla carta sì. Ma una complicazione sorta a Barzanò, dove la Lega ha sollevato qualche perplessità sulla candidatura dell'azzurro Paolo Pittarella, potrebbe raffreddare gli entusiasmi dei Forzisti. I coordinatori sono al lavoro per smussare gli angoli. Ma al momento, Rita Pettinato può contare solo sul pieno appoggio del Carroccio.
Malacoda
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco