Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 388.916.496
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 08/04/2021
Merate: 21 µg/mc
Lecco: v. Amendoa: 13 µg/mc
Lecco: v. Sora: 15  µg/mc
Valmadrera: 12 µg/mc
Scritto Mercoledì 09 maggio 2001 alle 15:42

GUERRA CONTRO I TAGLI DELLA REGIONE ALLA SCUOLA 

Alcuni Sindaci, nei giorni scorsi, ci avevano segnalato che la Regione Lombardia aveva ridotto il finanziamento alle scuole materne non statali di cifre consistenti anche del 30% rispetto al passato, ad esempio le scuole materne di Olginate. Abbiamo controllato in Regione e ne è uscita una conferma. Infatti nel settore del diritto allo studio la Regione ha effettuto una serie di tagli alle scuole, ai Comuni e alle famiglie degli Studenti. In pratica emerge che c'è un taglio per le scuole materne non statali di tre miliardi e 800 milioni pari al 23,46%. Viceversa, nel bilancio 2001 dello Stato, il contributo alle scuole materne non statali, comprese anche quelle comunali, è passato da 80 miliardi a 200 miliardi. Scorrendo il bilancio regionale abbiamo fatto alcune scoperte interessanti:
- Sempre la Regione: tagli del 30% sul diritto allo studio per l'Università e la stessa cifra ai Comuni per le mense ed i trasporti. Lo stato incrementa i contributi di 50 miliardi.
- La Regione ha tagliato i contributi ad oltre un milione di studenti lombardi per potere garantire 92 miliardi per le scuole private, che non siano le materne e l'università, solo per 65 mila allievi.
- La Regione non ha potuto toccare gli assegni di studio per gli studenti con redditi inferiori ai trenta milioni, ma nemmeno li ha aumentati, perché una legge dello Stato li garantisce.
- Agli studenti della scuola di ogni ordine e grado della scuola pubblica sono stati assegnati 117 mila lire a testa mentre a quelli delle scuole private la bellezza di 1 milione e 415 mila lire.
In questa campagna elettorale siamo stati definiti statalisti, contro il privato, contro le famiglie, ma, alla luce di quanto sopra descritto, l'Ulivo ha garantito tutti pubblico e privato, ha investito in formazione, ha stanziato 300 miliardi per l'infanzia e l'adolescenza contro i 20 miliardi degli inizi anni '90. Potremmo continuare... Formigoni blatera tanto di famiglia, di sostegno ai più poveri, di sussidiarietà, ma i fatti smentiscono le sue roboanti affermazioni.
On. Mauro Guerra Italo Bruseghini
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco