• Sei il visitatore n° 475.494.683
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Giovedì 19 luglio 2012 alle 22:38

Lecco: l’AO presenta il ‘bilancio sociale’ con storia, assetto istituzionale, comitato etico Tutti i ‘numeri’ su pazienti,  esami e accessi

"Pubblicare un bilancio sociale significa essere trasparenti nei confronti dei nostri portatori d'interesse". Queste le parole con le quali il direttore generale dell'Azienda Ospedaliera della Provincia di Lecco, MauroLovisari, ha presentato il  Bilancio Sociale 2011.Il documento è stato realizzato per la prima volta dall'A. O. lecchese e può essere già consultato sul sito www.ospedali.lecco.it. "La nostra azienda - ha continuato Lovisari - conferma di essere, con i suoi 3.000 dipendenti e i 270 milioni di euro di fatturato annuo, la più grande realtà del lecchese. Proprio per questo è importante redigere un bilancio sociale nel quale diciamo chiaramente come abbiamo speso i soldi ricevuti dalla Regione. All'interno del rapporto - ha proseguito - sono indicate anche tutte le attività svolte dall'azienda, i programmi e i risultati ottenuti. Vorrei inoltre sottolineare la nostra attenzione al territorio, tanto che abbiamo deciso di rivolgerci, per fare un esempio, ad alcuni fornitori locali e a imprese del lecchese per i lavori infrastrutturali".

Mauro Lovisari e Roberto Pinardi

Il Bilancio si compone, quindi, di tre grandi capitoli. Il primo è dedicato all'identità aziendale e tratta i cenni storici degli ospedali di Lecco, Merate e Bellano, i principi ispiratori e la missione, il contesto territoriale (in cui vengono citati tutti i poliambulatori e i nosocomi dell'azienda), l'assetto istituzionale (con l'elencazione di tutti gli Organi e gli Organismi aziendali, dei Presidi e i Dipartimenti sanitari) e, per concludere, un paragrafo è dedicato interamente al Comitato Etico. La seconda parte riguarda, invece, il rendiconto economico. Da questo capitoloemerge, tra gli altri dati,come durante lo scorso anno siano stati 31.000 i dimessi e 250.000 le giornate di degenza impegnate e come circa il 70% dell'attività di ricovero siastata garantita dalle specialità di base: Area Materno-Infantile, Medica e Chirurgica. Per quanto riguarda le attività ambulatoriali, dal rapporto risulta che sono state effettuate 833.500 prestazioni diagnostiche e 2 milioni di esami di laboratorio.

Patrizia Monti e Antonio Urti

Passando al Pronto Soccorso,nel 2011 gli accessi sono stati 102.600, di cui 20.000 pediatrici. Sempre in questa sezione del documento ci si sofferma, poi, sull'utenza,che viene classificata per genere, età e nazionalità. Il terzo capitolo è intitolato Relazione Sociale e ha come oggetto principale gli stakeholders (portatori d'interesse) quali i dipendenti, i pazienti, gli enti e le istituzioni, i fornitori, i partner, le associazioni e il terzo settore. Proprio su quest'ultimo argomento è intervenuto il direttore amministrativo Roberto Pinardi, il quale ha evidenziato come "dal Bilancio risulti che la stragrande maggioranza dei dipendenti sia di genere femminile e che l'età media dell'organico sia relativamente giovane. Buona parte del personale - ha proseguito - si trova, infatti, nella fascia compresa tra i 29 e i 49 anni, età che probabilmente sarà destinata a salire nei prossimi anni a causa dei tagli e dello spostamento dell'età di pensionamento". A far emergere dal documento altri dati importanti ci ha pensato, poi, il direttore sanitario Patrizia Monti. "Molto interessante - ha affermato  - è la parte riguardante la tipologia dei pazienti. Ad esempio emerge come la maggior parte degli utenti stranieri siano di nazionalità rumena e albanese e come il 30% dei parti riguardi persone di nazionalità non italiana. Si può, inoltre, notare che le donne sono più propense a effettuare periodici controlli ambulatoriali, mentre gli uomini tendono a farsi visitare quasi esclusivamente in caso di forte malore, rivolgendosi più spesso al Pronto Soccorso". Il Bilancio Sociale sarà presto distribuito agli stakeholders con allegato un questionario di valutazione del documento.
Daniele Frisco
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco