Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 359.879.971
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 27/10/2020

Merate: 12 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 7 µg/mc
Lecco: v. Sora: N.D. µg/mc
Valmadrera: 6 µg/mc
Scritto Lunedì 02 luglio 2001 alle 17:56

UN TREDICENNE TIRA LE ORECCHIE ALL'ASSESSORE ALLO SPORT



Andrea Colombo

Ha solo 13 anni A.B., grande appassionato di pallacanestro, ma dimostra carattere deciso e idee chiare. L'ampio atrio e gli austeri uffici di Villa Confalonieri non lo spaventano. Neppure teme di richiamare all'ordine l'assessore allo Sport Andrea Colombo e di dargli una tiratina d'orecchie.
Il 10 dicembre scorso il giovanissimo sportivo aveva inviato una lettera all'assessore Colombo per chiedergli di sistemare l'area attrezzata di Via Donizetti; soprattutto di sostituire i canestri e le rispettive retine del campo di basket. L'assessore due giorni dopo inviò la risposta: "Provvederemo a mandare subito gli addetti comunali per il sopralluogo e la sostituzione delle attrezzature del campetto di basket. Grazie per la segnalazione e mandaci altri suggerimenti per migliorare gli spazi riservati allo sport". Però - aveva pensato il ragazzo - che rapidità. Bravo questo Colombo. Ma da allora sono passati sei mesi, quasi sette e degli addetti comunali, nemmeno l'ombra.

Uno dei canestri di via Donizetti

A.B. ha così deciso di tornare alla carica. Lunedì 2 luglio si è recato in Municipio, chiedendo di poter conferire direttamente con Andrea Colombo. In mancanza dell'assessore è stato indirizzato all'Ufficio Sport, al primo piano, e da lì, dirottato ai piani superiori, all'Ufficio Tecnico dove finalmente ha trovato orecchie attente. I responsabili del Servizio non hanno potuto fare altro che mendicare qualche scusa, e promettere nuovamente che provvederanno alla sistemazione del parco di Via Donizetti.
Il sagace tredicenne però non si è limitato a rimproverare gli interlocutori. Si è permesso di consigliare l'acquisto di reti metalliche per i cestelli dei campi di basket pubblici. "Sono più resistenti - ha spiegato con competenza - e la pioggia non li rovina. Costano qualcosa in più, ma durano molto tempo, ammortizzando così le spese".
"Speriamo però - ha commentato prima di salutare - che questa volta mi ascoltino".
D.D.S.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco