Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 364.805.711
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 26/11/20

Merate: 88 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 56 µg/mc
Lecco: v. Sora: 44 µg/mc
Valmadrera: 69 µg/mc
Scritto Lunedì 02 luglio 2001 alle 17:50

LOMAGNA. IL COMUNE RIFA' IL LOOK ALLA SCUOLA ELEMENTARE

Costerà ben 92 milioni di lire rimettere a nuovo i bagni della scuola elementare di via Matteotti e comprare nuovi banchi e cattedre, buttando via quelli dove si sono seduti fino a pochi giorni fa insegnanti ed alunni. Il Comune ha approvato due progetti per completare la sistemazione della "Volta", dopo gli interventi degli anni scorsi sul tetto e sulla mensa.
Il preside dell'Istituto comprensivo di Cernusco, da cui dipende l'elementare di Lomagna, ha scritto al sindaco Fabio Vigorelli segnalando la necessità di comprare e sostituire vari arredi, tra cui i banchi, le cattedre, le sedie e le seggiole, un paio di lavagne e due armadi per l'aula insegnanti. La richiesta di Santino Avagliano ha spinto il tecnico comunale a visitare la scuola per fare l'inventario degli arredi necessari e l'ha fatto giungere alla conclusione che quasi tutti sono buoni per il macero, perchè anche recuperandoli non se ne caverebbe poi molto. Ecco quindi che la giunta ha deciso di sostituirli tutti, tranne alcuni che con qualche rappezzo potrebbero servire per le emergenze: gli altri saranno mandati in discarica. Per l'acquisto dei nuovi mobili si pensa di spendere 32 milioni di lire. Contemporaneamente è stato verificato lo stato dei servizi igienici della scuola nel dettaglio, si sapeva già che le condizioni non erano delle migliori e che andavano sistemati, ma la situazione che si è presentata ha spinto la giunta a decidere per una radicale sistemazione ed a stanziare 60 milioni di lire. La scuola ha quattro bagni, due al pianterreno e due al primo piano: "Tre orinatoi ai primo piano non sono utilizzabili perchè gli scarichi presentano vistose perdite - scrive il tecnico Michele Mandelli nella sua relazione - Tre vasi non possono essere utilizzati per la perdita dal tubo di erogazione e negli scarichi, i sifoni sono in cattive condizioni e presentano perdite d'acqua lungo le pareti. Un lavabo perde all'interno della muratura ed è inutilizzabile; altri lavabi a breve non saranno più utilizzabili."
Il tecnico ha suggerito il completo rifacimento, con rimozione di tutti i sanitari, l'abbandono delle vecchie tubature e la realizzazione di nuove da collegare alla fognatura; la sostituzione delle piastrelle in tutti i bagni, il rifacimento dell'intonaco e la tinteggiatura ed uno scavo nel cortile per i nuovi scarichi. I lavori dovrebbero terminare per l'inizio del nuovo anno scolastico.
 
 
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco