Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 354.185.924
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 20/09/2020

Merate: 29 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 25 µg/mc
Lecco: v. Sora: 23 µg/mc
Valmadrera: 22 µg/mc
Scritto Sabato 16 giugno 2012 alle 09:53

Brivio: alunno bocciato in 1^ elementare. Assente da mesi, è un ''bimbo fantasma''

Bocciato in prima elementare perché diventato uno dei tanti "bambini fantasma" regolarmente iscritti alla scuola dell'obbligo ma di fatto non frequentante. La vicenda dell'unico piccolo studente briviese non ammesso alla classe successiva non ha nulla a che vedere con quella portata alla ribalta dalla cronaca nazione con il "caso" dei 5 alunni bocciati il primo anno della scuola dell'obbligo nella stessa scuola toscana di Pontremoli. Si tratta semplicemente di un "dovere", da parte dell'Istituto comprensivo guidato dalla professoressa Anna Marzorati. "Il bambino ha seguito le lezioni fino a dicembre, poi non c'è più stato" ha confermato la preside, rammaricata per aver "perso per strada" un suo studente. "Prima di Natale il padre mi aveva contatto annunciando il ritorno in Marocco della famiglia per un certo periodo, poi però non hanno più fatto ritorno. Ci siamo così trovati nell'impossibilità di mandarlo avanti, perché di fatto non  ha frequentato. Quando accadono queste cose - ha poi aggiunto la professoressa - è davvero un grosso peccato anche perché come scuola investiamo tantissime risorse per cercare di favorire l'integrazione. Spesso capita che gli alunni stranieri vengano portati all'estero per lunghi periodi e che al ritorno si dimostri dunque vanificato quanto fatto in precedenza con loro. Ma non si tratta solo di un problema legato ai piccoli stranieri" ha infine concluso ricordando come anche in altri contesti, purtroppo, si registrino situazioni di questo genere anche con bambini "italianissimi".
A.M.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco