Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 354.509.176
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 22/09/2020

Merate: 13 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 7 µg/mc
Lecco: v. Sora: 12 µg/mc
Valmadrera: 9 µg/mc
Scritto Giovedì 14 giugno 2001 alle 15:36

ARRESTATI DOPO UN INSEGUIMENTO DUE GIOVANI AUTORI DI UN TENTATO SCIPPO



L'ingresso della Ecosystem in via Cerri 51 dove si sono
infilati i due fuggitivi inseguiti dai Carabinieri

Non si è ancora spenta l'eco del blitz condotto dalla polizia a Olgiate Molgora conclusosi con l'arresto di quattro persone e il recupero della refurtiva, che l'Arma risponde con un'azione meno spettacolare ma altrettanto efficace. Giovedì nel primo pomeriggio i militari individuano una Renault Clio di colore bianco con la targa alterata. A bordo ci sono due giovani sospettati di aver tentato uno scippo in zona. L'utilitaria viene "agganciata" da una macchina civetta dei carabinieri. I militari in borghese tallonano la Clio a distanza. I giovani però si accorgono di quell'auto verde e sospettano che non sia dietro per caso. Tentano la fuga, convinti di riuscire a seminarla. Ma i carabinieri non mollano di un metro. L'inseguimento prosegue fino all'ospedale di Merate. Giunti di fronte all'Ecosystem, dove una volta era attiva la Manifattura di Merate, i fuggitivi si accorgono che il cancello elettrico è aperto e si infilano a tutta velocità. Sperano forse che i militari non si siano accorti della manovra. Invece gli uomini della Compagnia di Via Gramsci sono vicini e riescono a scorgere la Clio, un attimo prima che scompaia dietro l'edificio. Intanto viene lanciato l'allarme. Una "volante" in servizio di pattugliamento nel centro cittadino inverte la rotta e si dirige a tutta velocità verso il semaforo di Novate. I carabinieri in borghese però non attendono rinforzi ed entrano subito in azione: piazzano la loro vettura di traverso ostruendo così l'uscita. I giovani a bordo della Clio tentano una disperata retromarcia ma i militari non si lasciano intimorire, estraggono le pistole e intimano l'altolà. I due si rendono conto che è finita, si fermano e scendono dalla vettura mentre sopraggiunge anche la "gazzella" di supporto. Gli arrestati oppongono qualche resistenza ma vengono spinti l'uno sull'auto militare, l'altro su quella civile e trasferiti immediatamente nella caserma cittadina. Da una prima ricostruzione sembra che gli occupanti della vettura bianca avessero tentato uno scippo ai danni di una signora, che camminava nei pressi del centro commerciale Le Piazze. Alcuni giovani, che avevano assistito alla scena, avrebbero dato subito l'allarme. In zona era operativa una pattuglia di militari in borghese che individuata la Clio ha iniziato il tallonamento. "Sembrava di essere sul set di un film - ci hanno raccontato due ragazze che hanno assistito alla scena - soprattutto quando uno dei carabinieri ha estratto la pistola. Ma sono stati bravi e veloci e in pochi attimi hanno bloccato i giovani che erano sulla Clio".

Da sinistra I.M. e T.P., le due giovani che hanno assistito all'operazione

D.D.S.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco