Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 406.155.260
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 03/08/2021
Merate: 11 µg/mc
Lecco: v. Amendoa: 8 µg/mc
Lecco: v. Sora: 18 µg/mc
Valmadrera: 9 µg/mc

Scritto Mercoledì 06 giugno 2012 alle 18:33

Scuole lecchesi più sicure grazie al sistema di video sorveglianza voluto dalla Provincia

Sei telecamere, sei moderni occhi elettronici sono stati installati dalla Provincia di Lecco lungo il perimetro di quattro edifici sedi di altrettanti istituti superiori del territorio. L'importante novità, volta a migliorare il livello di sicurezza degli istituti scolastici provinciali, è realizzata in parte grazie agli 11 mila euro avanzati dal bando proposto lo scorso anno sempre in materia di sicurezza. Le sei telecamere, frutto delle più moderne tecnologie ed inserite all'interno di un sistema definito "ampliabile" dai tecnici installatori, sono state posizionate, come dicevamo, all'eterno di quattro istituti superiori della provincia: 2 al Bertacchi di Lecco, 2 al Fumagalli di Casatenovo, 1 al Bovara di Lecco e 1 al Marco Polo di Colico.

Paolo Sala, Antonio Dell'Oro e Mirko Usaroli, tecnici che hanno fornito ed installato il sistema di sicurezza Luca Teti,
assessore all'istruzione e alla sicurezza della Provincia di Lecco, Roberto Peverelli, dirigente scolastico
dell'Istituto Badoni di Lecco e Raffaella Forni, comandante della Polizia Provinciale di Lecco

Altre scuole, ha spiegato l'assessore all'istruzione di Villa Locatelli Luca Teti, si erano già dotate autonomamente di questi sistemi di video sorveglianza, mentre per quanto riguarda i due istituti che ancora mancano all'appello, ossia il liceo Artistico Medardo Rosso e il liceo Classico Manzoni, l'assenza di una banda di connessione adeguata a supportare questo flusso di dati non ha reso possibile l'installazione.
Dal punto di vista tecnico, questo nuovo sistema di video sorveglianza, munito di un Video Recorder per la registrazione in e di un per la gestione dei relativi flussi video provenienti dalla rete formata da tutte le telecamere installate, permetterà il collegamento da remoto da qualsiasi postazione. Sono inoltre previsti diversi livelli di abilitazione: con una semplice connessione internet ogni singolo utente, tramite credenziali di accesso, potrà entrare nel sistema e vedere in tempo reale le immagini del proprio istituto, mentre nella sala server allestita presso l'istituto Bertacchi, già in possesso delle dotazioni tecniche necessarie, opererà un amministratore di sistema che avrà maggiori facoltà rispetto agli utenti abilitati, con possibilità di ricerca, copia e utilizzo delle immagini di tutte le telecamere in funzione, evitando così un consumo eccessivo della banda a disposizione dei singoli istituti. Le immagini saranno conservate per un periodo massimo di quattro giorni, dopodiché si cancelleranno automaticamente.


Al sistema, già operativo in fase sperimentale da circa un mese, per il momento ha accesso in tempo reale solo la Polizia Provinciale, guidata dal Commissario Capo Raffaella Forni, mentre Questura e Carabinieri stanno attendendo dal Ministero le autorizzazioni necessarie per l'accesso diretto.
"L'installazione di questo sistema di video sorveglianza - ha spiegato l'Assessore alla Sicurezza Luca Teti - rientra nelle iniziative previste dalle Linee programmatiche del nostro mandato per garantire una maggiore sicurezza sul territorio in tutte le sue forme. Dopo i due bandi per la concessione di contributi ai privati, finalizzati all'installazione di sistema di sicurezza (antifurto o antintrusione elettronici) nelle proprie abitazioni, abbiamo pensato agli edifici scolastici di nostra proprietà. L'iniziativa ha un duplice scopo: la tutela del patrimonio provinciale, rappresentato dagli edifici scolastici, e finalità di sicurezza pubblica in caso di atti vandalici".
Infine un plauso particolare va all'installatore, Antonio Dell'Oro, e alla ditta che ha fornito il materiale, il gruppo Rce di Bandini Industrie, che, accantonando qualunque forma di guadagno ma pensando soprattutto a rendere un servizio utile per la collettività, hanno realizzato un sistema dal valore complessivo di gran lunga superiore rispetto agli 11 mila euro messi a disposizione dalla Provincia di Lecco.
R.V.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco