Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 347.761.444
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 04/08/2020

Merate: 8 µg/mc
Lecco: v. Amendola: < 2 µg/mc
Lecco: v. Sora: < 2 µg/mc
Valmadrera: 2 µg/mc
Scritto Lunedì 30 aprile 2001 alle 17:58

DA VIOLA A BIANCHE LE LAMPADE DEL CAMPANILE DI SABBIONCELLO

                                
Sopra il campanile del convento di Sabbioncello
come si presenta oggi; a destra il campanile
illuminato ancora con le lampade viola

Ci eravamo abituati al forte colore viola che illuminava l'interno del campanile romanico del Convento di Sabbioncello. Da circa un anno, al termine dei lavori di rifacimento dell'impianto elettrico i frati erano giunti alla decisione di illuminare con dei neon, di colore alternativo, viola appunto, le loro campane. Oggi invece, al vertice della Chiesa di Santa Maria Nascente, ogni sera, si accendono dei comuni neon bianchi. Una scelta dettata dai malumori che alcuni frati del Convento avevano espresso, a qualcuno, quelle luci viola proprio non andavano giù. Un viola funereo, difficile da immaginare svettare su un luogo di meditazione e di ascesi. Per altri, il colore era troppo simile alle insegne mondane, ai richiami che spesso vigono nel mondo moderno. Insomma la scelta adottata un anno prima non piaceva più. Ed ecco che il Padre superiore ha indetto un'assise dei religiosi che giunta a votazione non ha lasciato scampo al viola.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco