Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 348.639.402
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 11/08/2020

Merate: 23 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 14 µg/mc
Lecco: v. Sora: 17 µg/mc
Valmadrera: 17 µg/mc
Scritto Giovedì 26 aprile 2001 alle 17:44

"VIVA LA LIBERTA', VIVA L'ITALIA"



L'alzabandiera durante l'esecuzione dell'Inno nazionale

Erano presenti la Giunta, una nutrita rappresentanza del Consiglio comunale, le associazioni, il mondo politico e molta gente comune alla celebrazione della ricorrenza del 25 aprile.
Al termine della Messa solenne cominciata alle 16 presso la chiesa parrocchiale di Sant'Ambrogio e presieduta dal prevosto don Felice Viasco, in piazza degli Eroi si è svolta la cerimonia di commemorazione dei Caduti per la Patria. La Banda sociale meratese ha accolto il corteo sulle note di "Soffia il vento". Un minuto di silenzio e quindi l'Inno d'Italia con l'alza bandiera da parte della Polizia municipale, degli Ufficiali in congedo, dei sostenitori dell'Aido e dell'Avis. Sull'attenti pure il comandate dei Carabinieri di Merate, un ufficiale della Guardia di Finanza e l'onorevole Mauro Guerra. Finita l'esecuzione dell'inno nazionale ha preso la parola il sindaco Dario Perego.

La cittadinanza che ha partecipato alla cerimonia della Liberazione

Il primo cittadino ha ringraziato tutti presenti, più numerosi rispetto agli altri anni anche grazie all'idea di spostare la celebrazione nel pomeriggio. Perego ha sottolineato come in Italia e in Europa non ci sia mai stato un periodo tanto lungo di pace. "La libertà - ha detto parafrasando una nota canzone - è partecipazione ed è grande quando si sa anche porre dei limiti". "L'Italia - ha continuato - è stata liberata grazie al sorgere spontaneo di comitati e nuclei partigiani, nati all'insaputa l'uno dell'altro". Un grosso applauso dei presenti - soprattutto dei più anziani che hanno vissuto l'esperienza tragica della Seconda Guerra Mondiale e i momenti esaltanti della Liberazione - alle parole "Viva la libertà, viva l'Italia" che hanno terminato il discorso del sindaco. Dopo "O bella Ciao" e altre canzoni partigiane presso il cineteatro Manzoni dell'oratorio si è svolto un concerto verdiano.

Le autorità cittadine che hanno celebrato la ricorrenza del 25 aprile
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco