Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 439.927.839
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Sabato 02 giugno 2012 alle 10:51

Lecco: accusato di furto e di simulazione. Giovane assolto

"O è furbissimo o è sfortunato. Pertanto nel dubbio chiedo l'assoluzione". Il pubblico ministero Piazza ha così proposto al giudice l'assoluzione per M.T. accusato di furto e simulazione di reato. Il giovane manovale, infatti, la sera dell'11 giugno 2008 aveva parcheggiato il camioncino nei pressi dell'area di sosta pubblica che si trova vicino all'abitazione degli zii a Galbiate. La mattina, al risveglio, non l'aveva più trovato e si era recato in caserma per denunciarne la scomparsa. Una chiamata di qualche ora dopo lo avvertiva del ritrovamento del mezzo a Merate, nei pressi del cantiere per il raddoppio ferroviario. Qui, però, si era per lui aperta la vicenda giudiziaria non tanto come vittima quanto come possibile autore di un furto perpetrato con il suo camioncino e che, stando alle accuse, lui stesso aveva commesso per poi simulare la sparizione del mezzo.
In aula sia il pubblico ministero che l'avvocato della difesa hanno chiesto l'assoluzione per entrambi i capi di imputazione. Richiesta cui si è allineata il giudice Maria Chiara Arrighi.

S.V.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco