Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 348.137.410
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 04/08/2020

Merate: 8 µg/mc
Lecco: v. Amendola: < 2 µg/mc
Lecco: v. Sora: < 2 µg/mc
Valmadrera: 2 µg/mc
Scritto Giovedì 05 aprile 2001 alle 16:07

MAURO GUERRA VA IN PIAZZA MAURIZIO LUPI AL "CIRCOLO"

Il parlamentare uscente ha avviato la prime serie di incontri pubblici mentre l'assessore milanese in quota a Forza Italia ha incontrato i dirigenti lecchesi e meratesi del partito (assenti i rappresentanti di An e Lega Nord) 
 
Conclusa tra polemiche, la trattativa sull'assegnazione dei collegi, la campagna elettorale entra nel vivo. Contro i politici paracadutati in territori a loro estranei, hanno espresso forte dissenso D'Alema, Berlusconi, Bossi e Fini. Tra i "grandi" il solo a dichiararsi "pienamente soddisfatto" è stato Alberto Denti. Ma è l'eccezione che conferma la regola. Comunque sia, ormai, abbiamo Maurizio Lupi, Mauro Guerra e Carlo Giovanardi, oltre al lecchese Antonio Rusconi, giusto per stare dentro i confini della provincia di Lecco. E di loro dobbiamo scrivere. Il collegio uninominale di Merate per la Camera dei deputati vede opposti Mauro Guerra e Maurizio Lupi, oltre a Giuseppe Mastrogiorgio della lista Di Pietro. Mauro Guerra, ormai, conosce bene la zona. Le prime settimane di campagna elettorale, nel 1996, dovette dedicarle a convincere i suoi alleati ad accettarlo; lui comasco e di estrazione comunista. In questi anni ha saputo conquistarsi le simpatie di tutti, Popolari e Diessini, Verdi e Socialisti. I toni pacati, le parole misurate, la moderazione delle prese di posizione gli sono valsi unanimi consensi. Queste prime due settimane, quindi può metterle subito a profitto per tentare di riequilibrare una bilancia paurosamente pendente verso la Casa delle Libertà. Pur senza sommare i voti ottenuti da Alberto Bosisio e Giulio Boscagli il 21 aprile di cinque anni fa, il centrodestra è avanti di almeno 20-25 punti percentuali sul centrosinistra. E, si sa, il candidato, per quanto bravo, difficilmente riesce spostare più di un 10-15 per cento di consensi. Strada in salita, dunque, per l'on. Mauro Guerra che, tra l'altro, al momento non dispone del paracadute al proporzionale riservato ai dirigenti (Guerra è il vice di Fabio Mussi con delega alla gestione in aula del gruppo parlamentare Ds, un incarico di primissimo piano).
Tranquillo e sereno, invece, Maurizio Lupi, il milanese, assessore della Giunta Albertini, imposto dal vertice di Forza Italia nel collegio 15 di Merate. Ieri sera, mercoledì, alle 18.30 ha incontrato a Lecco Bruno Colombo, coordinatore provinciale accompagnato da Stefano Chirico e Elio Galbusera. Alle 20.30 è sceso al circolo azzurro di Casatenovo, assieme al coordinatore per l'area meratese-casatese, Galbusera, dove ha incontrato Luca Stucchi - una delle figure più in vista della componente del centrodestra meratese che, nelle scelte religiose, si ispira a Comunione e Liberazione, come lo stesso Lupi - Alberto Denti, Giuseppe Zaffarano e Renzo Ghisleni di Merate, Giuseppe Munaò di Lomagna, Paolo Pittarella di Barzanò, Carla Nava di S.Maria Hoè, Silvio Brembilla di Robbiate, Giorgio Villa di Cernusco, Andreotti e Magella di Paderno, e un'altra ventina di militanti di Forza Italia. Assenti il consigliere provinciale Gabriele Maggioni di Missaglia e il coordinatore di Casatenovo Alessandro Fontana. Non c'erano i sindaci Antonio Conrater e Dario Perego, tra i primi candidati del collegio per il centrodestra. Maurizio Lupi si è informato sulla situazione del territorio, ha ricordato la stretta amicizia con Giulio Boscagli, referente lecchese di CL, (quanto questa amicizia abbia nuociuto alla candidatura del "nostro" Dario Perego, anche lui ciellino e amico di Boscagli, sarà oggetto di altra riflessione) e prima di ripartire per Milano, ha dato il via alla raccolta delle firme, affidate ai soliti borracceri (a Giuseppe Zaffarano, però occorre spiegare che le firme debbono essere autenticate durante l'appostazione sul modulo, non dopo). Alberto Denti si è offerto di fare il "portaborse" mentre la battagliera Carla Nava, tra i fondatori di uno dei più antichi club azzurri della provincia, ha invitato Lupi a mantenere una forte presenza in zona, anche dopo l'auspicata vittoria. Lupi aprirà probabilmente a Merate la sede del Comitato elettorale.

Lunedì 6 aprilepresso la nuova asede di Forza Italia di Olgiate (nei pressi del Comune) Maurizio Lupi si incontra con i delegati degli altri partiti della coalizione. Per la Lega, Vito Bresciani coordinatore di zona.

© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco