Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 348.111.257
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 04/08/2020

Merate: 8 µg/mc
Lecco: v. Amendola: < 2 µg/mc
Lecco: v. Sora: < 2 µg/mc
Valmadrera: 2 µg/mc
Scritto Lunedì 23 aprile 2001 alle 18:06

IL GRUPPO MERATESE DELL'AIDO COMPIE 25 ANNI



Premiazione aido fiera s. ambrogio 1981. sono riconoscibili tra gli altri
al centro Giuseppe Ghezzi, ex sindaco, don Felice Viasco (terzo da sinistra),
Padre Evangelista Scopel fondatore gruppo (4° da destra)

Il gruppo Aido di Merate compie 25 anni e per l'occasione ha organizzato un convegno medico, un concerto di beneficenza e la manifestazione di inaugurazione della nuova sede di Via Roma 17. L'Associazione Nazionale Donatori di Organi è nata il 21 febbraio 1973 a Bergamo per iniziativa di Giorgio Brumat che, con diversi amici, costituì nel 1971 l'associazione Donatori Organi Bergamo, poi trasformata in associazione nazionale. La struttura dell'associazione fa capo alla sede nazionale operativa, rimasta a Bergamo e a quella legale che si trova a Milano. Le sedi provinciali coordinano le attività dei singoli gruppi comunali che sono distribuiti su tutto il territorio nazionale. Nella sola Provincia di Lecco sono attivi ben 33 gruppi comunali che organizzano attività di promozione, sensibilizzazione e divulgazione della donazione. Il gruppo meratese è nato il 25 aprile 1976 per iniziativa di Padre Evangelista Scopel, francescano presso il convento di Santa Maria Nascente a Sabbioncello dove è stata insediata la prima sede, trasferita il 28 febbraio scorso in centro città. Gli spazi, relativamente ridotti, e gli orari di riunioni ed assemblee organizzative, richiedevano tempi incompatibili con quelli del convento. "La scelta della nuova sede è stata decisa proprio per l'esigenza di maggiore autonomia rispetto al convento dei frati", spiega l'attuale Presidente Fiore Milone. Dopo la morte di Padre Evangelista, la presidenza del gruppo è passata a Francesco Mapelli, residente a Cicognola e molto conosciuto anche a Merate. Fiore Milone, è entrato a far parte del sodalizio nel 1992 quando a seguito di una grave malattia, è stato sottoposto al trapianto di fegato. Sott'ufficiale della Guardia di Finanza presso la caserma di Cernusco, a riposo dopo la malattia, è stato invitato al rinnovo del consiglio direttivo e subito nominato amministratore, carica che ha ricoperto fino al 1995, quando Franceschino Mapelli, per malattia è stato costretto a lasciare. "Quando sono stato eletto Presidente dell'Aido di Merate, il gruppo di Sabbioncello comprendeva ben 13 Comuni sparsi sul territorio meratese. Uno dei primi impegni è stato quello di favorire la fondazione di altri quattro gruppi: Paderno, Lomagna, Olgiate e Perego".

Il gruppo di Paderno è stato dedicato al giovane Andrea Salomoni, donatore multiorgani deceduto a seguito di un incidente stradale e presieduto da Daniele Sorzi. Quello di Perego, invece, è stato titolato a Roberto Casalinuovo, anch'esso scomparso a causa di un grave incidente e a cui Rocca Paolo, Presidente, ha dedicato il gruppo Aido. Anche Lomagna, dal 1994 ha costituito un polo indipendente che è stato fortemente voluto da Isidoro Galbusera, padre del piccolo Alessandro che dopo la morte, ha donato i propri organi per continuare a far vivere altri bambini. Nel giro di tre anni, i neonati gruppi "staccarono" da Merate molti dei Comuni del circondario, tanto che alla sede Aido di Via Roma fanno attualmente capo i soli comuni di Cernusco e Montevecchia con 977 iscritti di cui 700 residenti a Merate. Il Consiglio direttivo di Merate è composto da 11 membri che collaborano per la realizzazione di attività di sensibilizzazione e divulgazione del tema della donazione di organi nei ragazzi delle scuole, dalla quinta elementare alle superiori. Qui, dopo una ampia spiegazione, i ragazzi sono invitati a realizzare disegni, temi o poesie sulla donazione degli organi che vengono giudicati da una commissione di insegnanti a riposo della sede provinciale lecchese.

Il monumento alla memoria dei donatori
inaugurato il 29 settembre 1988

IL PROGRAMMA DELLE MANIFESTAZIONI

Venerdì 4 maggio alle ore 20.15, presso la Sala Civica di Viale Lombardia, si svolgerà il terzo convegno Aido di Merate. "E' bene dare se ci chiedono, la, quand'è possibile è meglio dare senza che chiedano" titolo della serata cui parteciperanno diversi specialisti. Dopo il saluto delle autorità e di don Felice Viasco, il dottor Mauro Marinari -primario di Rianimazione all'Ospedale di Merate- analizzerà il problema dell'impegno del prelievo di organi e tessuti; il dottor Luciano De Carlis - aiuto allla divisione trapianti addominali al Niguarda di Milano- spiegherà invece i problemi relativi al trapianto di fegato. Sarà presente all'incontro anche il professor Cristiano Martini -primario di Anestesia e Rianimazione a Lecco e responsabile dei prelievi di organi per l'Asl di Lecco- che parlerà dei problemi connessi alla prelievo di organi all'inizio del Terzo Millennio. Dopo la parte scientifica, sarà dato spazio alle testimonianze di coloro che hanno vissuto in prima persona il trapianto di organi, tra cui, il presidente del gruppo di Merate, Fiore Milone, e Silvio Colagrande, primo trapiantato in Italia e Presidente della "Fondazione don Carlo Gnocchi, La Rotonda" di Inverigo.

Sabato 5 maggio alle ore 20.30 è in programma, presso la sala ùdon Isidoro Meschi, il concerto del Coro la Torr di Merate diretto dal maestro Giuseppe Caldirola.

Domenica 6 maggio alle 9.30 vi sarà l'inaugurazione ufficiale della nuova sede di Via Roma 17 con la benedizione di don Felice Viasco. Alle 10, la Messa in parrocchia cui seguirà il corteo per le vie cittadine, accompagnato dalla Banda di Merate che si concluderà con la deposizione di fiori al monumento dei donatori al cimitero di Merate.
Roberto Perego
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco