Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 348.206.697
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 09/08/2020

Merate: 24 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 18 µg/mc
Lecco: v. Sora: 20 µg/mc
Valmadrera: 19 µg/mc
Scritto Lunedì 30 aprile 2001 alle 16:47

ROVAGNATE: RIUNIONE DEI SINDACI SULLA MENSA

Si è conclusa con un nulla di fatto la riunione dei 5 Comuni che fanno riferimento alla scuola media don Piero Pointinger di Rovagnate. Ogni decisione, su espressa richiesta del sindaco di Perego Giampaolo Panzeri, è stata infatti rimandata al 14 maggio, dopo le elezioni comunali. I cinque primi cittadini hanno accettato la proposta del sindaco di Perego che, essendo uscente, non se l'è sentita di assumersi un impegno anche per il suo successore. Nella stessa condizione si trova inoltre anche il sindaco di Santa Maria Hoè, Roberto Corbetta.
Fra poco più di un paio di settimane, alla prossima riunione, i primi cittadini dovranno discutere di due possibili ipotesi. La prima, che è quella per la quale preme l'amministrazione rovagnatese guidata da Fabio Sottocornola, prevede l'ampliamento dell'attuale sede della mensa e costerebbe una cifra di poco superiore ai 400 milioni. In questo caso, l'amministrazione comunale di Rovagnate, che è capoconvenzione, parteciperebbe per una quota di circa il 40%.
La seconda ipotesi, sostenuta soprattutta dal sindaco Roberto Corbetta di Santa Maria Hoè, prevede la costruzione di un edificio ex novo da adibire alla mensa. In questo secondo caso, l'intervento costerebbe circa un miliardo di lire e le spese verrebbero ripartite in base al numero di abitanti per Comuni. Rovagnate, alla fine, verrebbe a spendere più o meno la stessa cifra, mentre il resto dovrebbe essere finanziato dalle casse delle altre amministrazioni.
A favore della tesi sostenuta da Rovagnate si è già schierata l'amministrazione di Colle Brianza, mentre pare che Perego propenda maggiormente per la costruzione di un nuovo edificio. Ago della bilancia, ma soltanto apparentemente, parrebbe dunque essere l'amministrazione di Castello Brianza. In realtà, se i fatti fossero esattamente come abbiamo riportato, la votazione darebbe la vittoria all'amministrazione di Sottocornola. Non si costruirebbe quindi nessun nuovo edificio per la mensa, ma si procederebbe alla ristrutturazione e all'ampliamento dell'attuale sede.
La votazione, infatti, avverrebbe secondo le quote di partecipazione al Consorzio. Dal momento che Rovagnate detiene il 40% e Colle l'11%, già soltanto queste due quote sarebbero più che sufficienti per ottenere la vittoria.
 
Malacoda
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco