Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 348.547.316
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 11/08/2020

Merate: 23 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 14 µg/mc
Lecco: v. Sora: 17 µg/mc
Valmadrera: 17 µg/mc
Scritto Venerdì 20 aprile 2001 alle 16:17

CALOLZIOCORTE: "NON APRITE AI FALSI MEDICI"

Non hanno imbrogliato molte persone, ma tra i pensionati di Calolziocorte si è già diffuso il panico. Fino ad ora sembra infatti che solo tre anziani siano stati truffati da "finto personale sanitario". Due persone, che devono ancora essere identificate e che i Carabinieri continuano a cercare, si sono introdotte nelle abitazioni di gente anziana spacciandosi per medici dell'Asl. Dopo avere effettuato una visita - finta anch'essa naturalmente - ai malcapitati pazienti hanno chiesto un compenso di 100mila lire per pagare la prestazione. I due, un uomo e una donna di mezza età, grazie anche al loro aspetto professionale e alla bella presenza non hanno riscontrato molte difficoltà a farsi aprire la porta dagli anziani e ad estorcergli i soldi. Il trucco è stato scoperto quando i pensionati truffati hanno raccontato l'accaduto ai familiari che immediatamente hanno chiesto chiarimenti ai responsabili dell'Asl di Lecco. I dirigenti dell'Azienda sanitaria non hanno potuto fare altro che denunciare l'accaduto ai militari, diramare un comunicato in cui si avverte di non prestare ascolto ai due "falsi medici" e consigliare di rivolgersi subito alle Forze dell'ordine qualora si verificassero altri episodi analoghi.
In passato sono già accadute vicende simili con presunti medici che importunavano persone anziane, specialmente durante i periodi della campagna di vaccinazione antinfluenzale o antitetanica. Presentandosi come personale sanitario, alcuni balordi telefonavano a casa di anziani formulando poi domande di carattere intimo e dal contenuto osceno adducendo come pretesto l'invito a sottoporsi a vaccinazioni al proprio domicilio e presso le strutture ospedaliere. Anche allora ai dirigenti dell'Asl non è rimasto che informare i cittadini che i loro dipendenti non seguono simili procedure. Pure le Forze dell'ordine, che speravano di risalire all'identità dei finti medici grazie alle informazioni dei cittadini, non sono mai riuscite a rintracciarli.
 
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco