• Sei il visitatore n° 476.430.590
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Domenica 29 agosto 2010 alle 15:42

Ronco chiude la Sp136 al traffico pesante. Preoccupazione dei sindaci del meratese. Convocato un tavolo tecnico a settembre

Dal primo settembre 2010 a Ronco Briantino sarà avviata una sperimentazione per l'interdizione al transito dei veicoli con massa superiore a 3.5 tonnellate sulla SP136 Monza-Brianza, riversando così con buona probabilità il traffico pesante su altre strade con attinenza con il meratese. La notizia ha mosso, in queste ultime settimane, le amministrazioni comunali e quella provinciale lecchese che hanno scritto ai "cugini" milanesi per chiedere di sospendere l'esperimento e di convocare un tavolo di studio di variazione dei flussi così da non rischiare di spostare il problema da un'altra parte senza però risolverlo o comunque ridurlo. Un appello che sembra avere trovato un certo riscontro tanto che, nel mese di settembre, almeno secondo quanto comunicato dagli assessori Franco De Poi e Stefano Simonetti ai comuni interessati, sarà convocato un apposito tavolo di concertazione "per individuare una soluzione condivisa da tutti gli enti coinvolti" (Cernusco, Lomagna, Merate, Osnago, Paderno, Robbiate, Verderio Inferiore e Superiore, Ronco Briantino). Ma facciamo un passo indietro. Tutto nasce dalla decisione di interdire al traffico pesante, con massa superiore a 3.5 tonnellate, la SP136 in comune di Ronco a partire dal mese di settembre. Si tratta di una grande arteria che attraversa il paese e che realizza un collegamento tra la statale 342dir (in località Osnago) e la Sp3 a Bernareggio. Sulla SP136 si innestano invece tre strade comunali di grande interesse per i collegamenti con i comuni confinanti.
la via Pio XI verso Carnate;
la via Brigatti verso Verderio;
la via Battisti verso Merate
Sollecitato dalle amministrazioni locali meratesi per il rischio di un "appesantimento" della 342dir, il 6 agosto il dirigente Angelo Valsecchi ha scritto alla provincia di Monza e Brianza chiedendo di sospendere la sperimentazione in comune di Ronco Briantino e di riproporre eventualmente la stessa solo dopo un attento studio dei flussi veicolari conseguenti all'ordinanza. L'11 agosto dalla provincia milanese rispondono invitando il sindaco di Ronco Briantino a sospendere l'emissione dell'ordinanza, così da trovare una soluzione condivisa tra gli enti. La comunicazione dalla provincia di Lecco si fa attendere 15 giorni e il 27 agosto De Poi e Simonetti fanno sapere che "considerata la rilevanza dei possibili effetti indotti da variazioni del sistema della mobilità si informa sin da ora che verrà convocato nel prossimo mese di settembre un apposito tavolo di concertazione al fine di individuare una soluzione condivisa da tutti gli enti".
Dunque tra qualche giorno si saprà se la sperimentazione sarà avviata oppure se non se ne farà nulla sino alla convocazione del tavolo tecnico. E' chiaro che l'eventuale chiusura della Sp136 con l'appesantimento della già provata 342dir è un'ipotesi che i sindaci del meratese, in particolare quelli a ridosso con Ronco, stanno guardando con grande preoccupazione.
S.V.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco