• Sei il visitatore n° 485.138.571
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Giovedì 05 aprile 2012 alle 17:22

Calcio: provvedimenti anche per i Giovanissimi, gli Allievi e la Terza Cat.

Nella stessa giornata di campionato, anche nella categoria Allievi, l’assistente di un arbitro si è visto infliggere una pesante squalifica. E’ successo durante l’incontro Oratorio Bulgiaco-Tabiago – Merate.  Il guardalinee tesserato per la società meratese infatti è stato espulso “perchè protestando platealmente manteneva un comportamento offensivo nei confronti dell'arbitro. All'atto della notifica del provvedimento prima stizzito gettava a terra la bandierina successivamente avvicinava l'arbitro e poggiandogli le mani sul petto lo spingeva leggermente. Veniva poi riportato alla ragione soltanto dopo il fattivo intervento da parte del proprio allenatore” come indicato nel rapporto del giudice sportivo Paolo Marsigli che ha quindi deciso per la squalifica dell’uomo fino al prossimo 15 giugno, sanzionando anche il Merate con un’ammenda di 50€.
Scorrendo poi il comunicato emesso dalla Lega Nazionale Dilettanti oggi, giovedì 5 aprile, in riferimento alle partite disputate nei giorni scorsi, si trovano provvedimenti disciplinari in tutte le categorie, anche nei “giovanissimi”. Il Giudice Sportivo Paolo Marsigli, assistito dal dottor Giovanni Scotti, dall’avvocato Renato Cogliati e dal rappresentante dell'A.I.A. Jacopo Rossi  ha infatti “punito” un atleta del Verderio con la squalifica fino al 5 giugno per “aver mantenuto un comportamento gravemente scorretto e discriminatorio nei confronti di un calciatore avversario” specificando anche che la sanzione è stata “ridotta in considerazione della minore età del calciatore in questione”. A seguito dell’atteggiamento del giovane, anche la società verderese dovrà pagare una multa da 100 euro in quanto giudicata “responsabile del comportamento discriminatorio da parte di un proprio tesserato nei confronti di un calciatore avversario”.
Alle volte poi, sono i “supporter” a creare problemi ai sodalizi che dovrebbero invece incoraggiare con il proprio tifo. Lo sa bene il Pagnano che, nel “derby” contro il Merate, giocato domenica 1° aprile, è stato sanzionato con un’ammenda da 150 euro in quanto “responsabile del comportamento scorretto, antisportivo e discriminatorio tenuto da alcuni propri sostenitori nei confronti di un calciatore della società ospitata, all'inizio della gara”. Per la cronaca, poi la partita è andata al Merate che ha segnato 3 reti contro le 2 dei “cugini”.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco