• Sei il visitatore n° 476.780.689
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 26 marzo 2012 alle 18:40

Calco: ''un diritto di passo'' è causa di lite. Vicini a processo

A causa di dissidi per questioni di ''vicinato'' sono imputati in un procedimento in corso presso gli uffici del giudice di pace di Missaglia, M.C. e G.M, entrambi residenti in Via Ghislanzoni a Calco.
I due questa mattina si sono presentati in aula per esporre le rispettive ragioni.
I fatti risalgono al 2 ottobre 2008 quando i vicini calchesi ebbero l'ennesimo litigio che sfociò poi nella reciproca querela per aggressione e ingiurie. 
M.C. è stato ascoltato per primo; l'uomo ha spiegato al giudice e al pm di aver denunciato il vicino per le continue offese e gli atti di prepotenza subiti negli anni. Egli risulta proprietario di un terreno situato accanto all'abitazione dove vivono i due, e sul quale esiste un diritto di passo. E' proprio questo pezzo di terra alla base della discussione avvenuta tra i vicini nell'ottobre 2008. Secondo quanto ha asserito M.C., il vicino rincasato dal lavoro avrebbe posteggiato il suo mezzo sul ''fondo'', spostando alcune ramaglie da lui precedentemente depositate. A richiesta di spiegazioni, G.M. lo avrebbe insultato, tirandogli addosso successivamente un sasso raccolto da terra, per poi malmenarlo con un pugno al costato e uno in volto. A seguito di questa colluttazione l'uomo si è recato al pronto soccorso dal quale è stato dimesso con una prognosi di due giorni. 
Le accuse di violenza sono state però respinte dal vicino di casa, che ha negato di aver mai picchiato M.C., con il quale da anni si confronta nelle sedi giudiziarie competenti, per cause di natura civile.
Il pubblico ministero durante il dibattimento ha tentato più volte una mediazione, ma invano. 
A deporre sono stati poi i testi: la suocera di M.C. e la moglie di G.M. che quel giorno assistettero a parte della discussione. Le due hanno confermato le versioni dei rispettivi parenti.
A causa dell'assenza del maresciallo della stazione di Brivio, Cristian Cucciniello, chiamato come teste, l'udienza è stata rinviata al prossimo 30 novembre 2013.
G.C.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco