• Sei il visitatore n° 474.828.457
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Giovedì 01 marzo 2012 alle 22:13

Garlate: un malore improvviso ha stroncato Luciano ''ciclista'' Polvara nella sua bottega

Luciano Polvara ritratto da Roberto Marini per la collezione “Gli artigiani di Garlate” (tutte e due le foto)

Un malore improvviso mentre si dedicava a quella che è stata la sua "ragione" di vita si è portato via, nelle primissime ore della mattina di giovedì 1° marzo, Luciano "ciclista" Polvara a poche settimane dal suo 81°esimo compleanno. La notizia ha fatto in poche ore il giro del paese a Garlate, dove l'artigiano era cresciuto e si è fatto conoscere e apprezzare per la passione che lo ha accompagnato per una vita intera, quella per le due ruote. Le sue immagini nella "bottega" dove esercitava il suo passatempo prediletto, impresse sulla pellicola fotografica di Roberto Marini, erano parte della collezione "Gli artigiani di Garlate" e sono state scelte dall'amministrazione comunale per corredare alcuni mesi del calendario 2012 distribuito a tutte le famiglie. La passione per le biciclette "Luciano ciclista" l'ha sempre avuta. "Il suo primo lavoro è stato a Lecco da un signore che le aggiustava" ha raccontato con affetto la cognata. "Ai tempi ci si spostava principalmente così, lì lui ha imparato i trucchi del mestiere già a 12, 13 anni. Poi ha fatto altri lavori ma la passione non l'ha mai abbandonata, e ha iniziato a farsi conoscer e nell'ambiente. Per anni ha seguito i giovani corridori delle squadre lecchesi, accompagnando anche le corse. Ha preparato le biciclette per il Giro d'Italia, e seguito ragazzini che poi hanno fatto carriera. Da quando è andato in pensione ha stabilito in paese la sua "bottega", e lì tutti per anni gli hanno portato da aggiustare bici di ogni tipo e misura". Luciano era una vera e propria istituzione a Garlate.


"Faceva tutto a mano, ed era conosciuto anche fuori dal paese per la sua arte" ha ricordato il sindaco Giuseppe Conti. "Tutti i giorni, immancabilmente, apriva il suo spazio privato a chi aveva bisogno di un lavoro meccanico, ma anche solo di un consiglio o di scambiare due chiacchiere sul mondo del ciclismo". Quando le due sorelle, con cui Luciano viveva in paese, non lo hanno visto tornare a casa a tarda sera di mercoledì 29 febbraio e non hanno ottenuto risposta al cellulare, hanno avvertito un nipote perché andasse a controllare cosa fosse accaduto. Luciano Polvara è stato colto da un malore improvviso nella sua amata "bottega", e nonostante la chiamata al 118 e la corsa in ospedale il suo cuore ha cessato di battere nelle prime ore del mattino di giovedì 1° marzo. L'ultimo saluto sarà celebrato sabato 3 marzo alle ore 15.00 nella chiesa parrocchiale. Saranno i parenti di Luciano ad occuparsi di svuotare la sua amata "bottega" restituendo le biciclette ai loro proprietari. La sua arte morirà con lui, e il paese senza il suo "ciclista" sarà per sempre un po' più triste.
R.R.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco