• Sei il visitatore n° 505.733.619
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Giovedì 12 agosto 2010 alle 11:40

Direttore Medico del Mandic: la Lega sconfitta ancora una volta da Comunione e Liberazione. Ma a perdere sono i cittadini meratesi

diddscalia
Il Direttore generale dell'Azienda ospedaliera lecchese Ambrogio Bertoglio ha nominato il dottor Gedeone Baraldo Direttore sanitario del San Leopoldo Mandic. Come noto i Sindaci del Meratese avrebbero preferito invece la dottoressa Patrizia Monti, perché portatrice di una conoscenza pregressa del Presidio di Merate, nonché delle realtà e delle esigenze territoriali (clicca sul testo in grassetto per leggere il documento dell'Assemblea distrettuale). Il Dg purtroppo ha scelto nella direzione opposta rispetto a quanto auspicato da più parti. Ma non si tratta unicamente di una sconfitta degli Amministratori locali, bensì soprattutto di una sconfitta dei rappresentanti più propriamente politici. Il dottor Bertoglio, dal quale francamente ci si aspettava più rispetto e considerazione per la realtà da cui ha preso il via la sua carriera professionale, aveva infatti accettato di soprassedere ad ogni decisione considerato che a fine anno potrebbe essere sostituito. Lo aveva promesso anche al Sindaco Andrea Robbiani. Invece non ha mantenuto la parola data. Se ha agito così è perché sapeva di "aver le spalle coperte" nonostante la richiesta di temporeggiare arrivata pure dagli esponenti del Carroccio. Sapeva cioè non solo di poter contare sull'appoggio incondizionato dell'altra componente dell'attuale Maggioranza in Regione Lombardia, a cui compete la gestione della sanità, quindi quella del Popolo delle Libertà è più propriamente della corrente ciellina, ma anzi era consapevole che la nomina era gradita e in qualche modo auspicata da questi settori. Settori a cui lui medesimo appartiene e che a livello locale sono riconducibili all'Assessore ai Servizi sociali di Merate Emilio Zanmarchi, a quello provinciale Antonio Conrater e a quello regionale Giulio Boscagli. Ancora una volta pertanto hanno vinto il PdL e Cl mentre la Lega Nord ha perso e non è riuscita a prestare fede alle promesse formulate. Ma ciò che è peggio è che le istanze dei Meratesi, motivate e circostanziate e non certo basate su questioni di semplice simpatia o riconoscenza, sono state di nuovo snobbate e disattese da coloro che al contrario dovrebbero farsi da tramite e portavoce delle legittime richieste della gente che rappresentano. E' successo per il Commissariato di Polizia, il Liceo classico, la sistemazione dell'incrocio di Cernusco Lombardone... e adesso è successo lo stesso per il nostro Ospedale. E poi si dicono pure "federalisti"! Con questo Centrodestra al governo della città, della Provincia e della Regione il distretto Meratese non ha più nessuna voce in capitolo ed è destinato a subire supinamente scelte che servono soltanto a garantire equilibri di potere interni al Popolo delle Libertà.
Il gruppo di Insieme per Merate
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco