• Sei il visitatore n° 474.822.288
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Domenica 22 gennaio 2012 alle 18:01

MA NON GLIENE FREGA NIENTE A NESSUNO! QUESTA E’ UNA CITTA’ DI ''BOLLITI'' E AI CONFINI NON E’ MEGLIO

Caro direttore, ma di che si lamenta? Che alla conferenza del PD in sala civica su sanità locale e cittadella della salute che dovrebbe connotare il futuro del rinato e salvato ospedale meratese Leopoldo Mandic non c'erano cittadini e amministratori, inclusi i singoli consiglieri comunali, ma solo medici e funzionari amministrativi, ovvero gli addetti ai lavori e qualche politico tanto per non fare la figura di sentirsi dire dopo " e però potevi venire..."! Cosa si deve dire se ai prossimi degenti non interessa sapere che tipo di ricovero si prepara loro e in quali decisive mani finiranno? Quale motivazione migliore per un politico o per un dirigente sanitario che toccare con mano il seguito e l'interesse delle persone? Ma non è un problema di leader e di capacità di attrazione della gente. Abbiamo toccato con mano che negli ultimi anni solo i piazzisti - di valore si, ma comunque piazzisti - hanno saputo attirare l'ingenua attenzione della gente salvo poi propinare loro set di piatti scheggiati già all'origine. Se parli seriamente la gente scappa. Ercole Redaelli, segretario provinciale del PD è una brava persona, ma come leader è l'equivalente di una camomilla. Sia chiaro: meglio un ammorbidente pre notturno che un eccitante alterato. Negli stessi giorni a Lecco una sala gremitissima rideva alle battute di quel bel giornalista che è Vittorio Feltri il quale dalla vita ha avuto tutto tranne anche uno solo dei problemi di sopravvivenza che imputa a quella dignitosissima persona che è il signor Mario Monti, paragonato più o meno a un bidello di lusso. Vittorio Feltri qualche giorno fa a Lecco con accanto una signora dai fluenti capelli rossi, che non ha ancora capito che la sua ambita carriera politica è già finita senza essere mai cominciata, ha quasi invocato il ritorno di Berlusconi. Invocato. Alla notizia il sangue di San Gennaro ha deciso di rimanere coagulato per sempre. E lei si meraviglia se a Merate solo quattro gatti di qualità con il camice bianco vengono a sentire parlare di se stessi? Siamo cotti, caro direttore, siamo carne bollita senza neppure il sapore a latere della mostarda. Quando penso che, esattamente come le precedenti, anche la giunta Robbiani fa il periodico tour nelle frazioni per non scomodare gli elettori residenti mi viene il latte alle ginocchia. In Municipio devono venire questi indolenti signori quando c'è il Consiglio Comunale e non viceversa! Ai cittadini di Merate e di questa plaga brianzola interessa solo essere guariti e avere il parcheggio gratis. Lei dice che sono cattivo? Provi a chiedere a 50 cittadini di questa città come si chiamano l'assessore alla Cultura, quello ai Servizi sociali e il Capogruppo della minoranza e poi tiriamo le somme. Ah, c'è una cosa in cui eccellono i miei concittadini: la disinformazione, la demagogia, altrimenti detto parlare a vanvera. Non conoscono, non si informano, eppure sanno tutto. Non interessa loro partecipare, ascoltare e magari rimettere in giuoco le loro convinzioni. Meriterebbero un amorevole e salutare pugno nello stomaco se fossimo certi di non vederlo confondere con un blocco intestinale. Questa gente ha un solo alibi che capisco e condivido: l' avere condotto e condurre una vita stressante perché vivere al Nord è comodo, ma molto impegnativo. E allora ciascuno di noi rivaluti una componente di rilassatezza che vuol dire tirare il fiato una volta di più, ma non e mai mettere in naftalina il cervello. I padiglioni auricolari non sono una forma di raccolta e smaltimento di rifiuti sonori. Sono il delicato e prezioso angolo di una personalissima biblioteca cerebrale che deve saper catalogare, distinguere e poi conservare. Ma lo sanno fare gli zombies che popolano questa zona della civilissima, progredita e altrettanto imbrogliona Brianza?
Alberico Fumagalli
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco