Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 392.716.968
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 04/05/2021
Merate: 23 µg/mc
Lecco: v. Amendoa: 18 µg/mc
Lecco: v. Sora: 17 µg/mc
Valmadrera: 14 µg/mc
Scritto Mercoledì 14 dicembre 2011 alle 18:04

L'Auser in visita a Villa Manzoni per Generazione Oro

Programmata per martedì 13 dicembre, la visita guidata alla scoperta di Villa Manzoni e di Pescarenico di Lecco, denominata "Il Vero percorso Manzoniano" organizzata dall'Auser nell'ambito del progetto "Generazione Oro" ha riscontrato il pieno gradimento degli oltre quaranta partecipanti.
Alla guida Direttrice dei Musei Civici di Lecco, Dott.ssa Barbara Cattaneo, i partecipanti si sono incontrati alle ore 14,30, all'ingresso di Villa Manzoni da dove hanno iniziato il percorso alla scoperta della dimora storica, di grande suggestione per la presenza di cimeli manzoniani e parte degli arredi originali della famiglia del grande scrittore, cui la villa è appartenuta per due secoli.
La visita è continuata poi alla Galleria comunale d'arte, allestita al piano superiore, con dipinti ordinati per ambiti tematici (nature morte/ritratti/paesaggi) e periodi cronologici (dal XVII al XX secolo, sino ai lavori dei più rappresentativi pittori lecchesi contemporanei).
Visitata la Cappella, il gruppo ha salutato e ringraziato la Direttrice dei Musei Civici e alla guida della Prof.ssa Maria Grazia Zordan dell'Auser Insieme TU Progetto Essere, in parte a piedi e in parte accompagnati in macchina accompagnati da un volontario dell'Auser, ha raggiunto il quartiere di Pescarenico, che, oltre alla chiesa del convento dei cappuccini espressamente citato nei "Promessi sposi", conserva tutta l'atmosfera del passato nel reticolo di strette viuzze, con le case basse, affiancate l'una all'altra, tipiche di un'architettura che, malgrado i rimaneggiamenti di secoli, appare quella popolare spontanea di un villaggio di pescatori del XVII o del XIX secolo.
Visitata al suo interno la bellissima chiesa del convento dei Cappuccini, il gruppo con piena soddisfazione si è dato appuntamento alle cinque uscite in programmate dall'Auser per la primavera 2012.
Associazione correlata:
- Auser
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco