Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 394.631.683
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 13/05/2021
Merate: 12 µg/mc
Lecco: v. Amendoa: 2 µg/mc
Lecco: v. Sora: < 2 µg/mc
Valmadrera: 7 µg/mc
Scritto Giovedì 01 dicembre 2011 alle 19:16

Valgreghentino: 42.600 euro di Tarsu non pagata in 5 anni, la riscossione più difficile

42.600 euro. A tanto ammontano i crediti del comune di Valgreghentino nei confronti dei cittadini, che in 5 anni (dal 2001 al 2006) non hanno pagato ciò che dovevano per lo più in termini di imposta rifiuti (Tarsu). Questa cifra è stata “stralciata” dalle voci di bilancio del comune andando a costituire un “fondo svalutazione crediti”, nell’attesa cha la realtà incaricata della loro riscossione (Creset) riesca a recuperarli. Un’operazione resa alquanto difficoltosa soprattutto per quanto riguarda i piccoli importi, per i quali in base alla nuova normativa risulta praticamente più costosa del credito stesso. Con il risultato che non si estinguono.

L'assessore Filippo Milani

“Non ha senso continuare a tenere a bilancio questa cifra, ma mano che il denaro sarà recuperato verrà inserito come maggiore entrata”
ha spiegato l’assessore al bilancio Filippo Milani. Stefano Simonetti della minoranza “Valgreghentino e Villa S. Carlo per le Libertà” ha richiesto un’analisi approfondita, per comprendere quanti cittadini sono debitori verso il comune e in che modo sia possibile intervenire.

La minoranza

“Una cifra simile per un comune piccolo come il nostro è alta, bisogna comprendere se è legata a errori nelle misurazioni delle superfici, quanti cittadini sono ceditori e di questi quanti hanno in corso eventuali ricorsi. È grave che al di sotto di una certa cifra passi il messaggio che si può farla franca”. Il grosso della somma sarebbe dovuta da parte di società e aziende, di cui una in fallimento. Il resto però sono tanti piccoli crediti difficili da recuperare. L’assessore al bilancio si è comunque riservato di effettuare un approfondimento, e con la condizione economica imperante non è escluso che la questione possa peggiorare. La minoranza ha votato in modo contrario all’assestamento di bilancio, auspicando che i 15.000 euro ottenuti dalla Regione per conto del Distretto del Commercio vengano utilizzati per favorire i negozianti. Suggeriti anche interventi per la sicurezza, una tematica sulla quale da sempre insiste. Il consiglio di Valgreghentino sarà inoltre dotato di un sistema audio con microfoni per la registrazione delle sedute.  
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco