• Sei il visitatore n° 476.778.990
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Mercoledì 28 luglio 2010 alle 17:13

Il diario di Alessandro per 10 gg tra la vita e la morte a causa di un incidente stradale

Alessandro nel suo letto d'ospedale
Il 25 luglio Alessandro è tornato a casa. Il terribile incidente stradale che lo ha visto protagonista un mese fa gli ha lasciato sul corpo innumerevoli ferite, che col tempo si rimargineranno consentendogli di condurre un'esistenza normale. Il lavoro straordinario dei sanitari, l'amore dei famigliari e di tutti quanti gli sono stati vicini, il vigore della sua giovane età, hanno fatto il miracolo di far pendere la sua storia verso la vita, rimasta per oltre dieci giorni in bilico.
La sua storia, Alessandro, la può raccontare - e lo fa, scrivendo il breve diario di quanto gli è accaduto - mentre altri giovani non ne hanno avuto la possibilità. Ogni favola a lieto fine nasconde sempre una morale, senza bisogno che suoni come una predica.
Chi è ragazzo, chi genitore o famigliare, chi amico, chi educatore, insomma, tutti, devono sentirsi impegnati a coltivare il proprio benessere, e anche quello delle altre persone; perché se è vero che possiamo avere più di una possibilità per cavarcela da una brutta storia, può essere anche vero il contrario, e l'occasione giusta può non presentarsi una seconda volta.

Presidente della Polisportiva
Angelo Fontana


Ecco il diario di Alessandro, scritto da Chiara la cugina 14enne, per via del gesso.

Sono Alessandro Fontana, il 24/06/10 ho avuto un incidente a Monte Marenzo con il motorino e sono arrivato all'ospedale A. Manzoni di Lecco in gravi condizioni. Mi hanno riscontrato una lacerazione al fegato, il polmone perforato in tre punti, un forte trauma alla milza, alcune costole fratturate e l'apertura di due vertebre. Mi hanno ricoverato in neuro rianimazione e tenuto sedato per dieci giorni,durante i quali potevo percepire rumori e suoni, anche se non riuscivo a capire cosa stesse succedendo intorno a me.

Al risveglio mi hanno riferito la gravità delle mie condizioni di salute e che avrei dovuto subire un intervento alla spina dorsale molto delicato: se l'intervento non fosse riuscito, sarei rimasto paralizzato per tutto il resto della mia vita. L'intervento è andato bene ma avevo ancora gli organi addominali a rischio; facendo poi una tac di controllo mi hanno riscontrato la frattura di entrambe le mani. I giorni trascorsi a letto con drenaggio, flebo, sondino e le mani ingessate sono stati dolorosi e in seguito noiosi. Ho cominciato a stare bene quando, con molta fatica, sono riuscito a sedermi a bordo letto e a appoggiare i piedi a terra.

Oggi 25/07/10 alle ore 12 vengo dimesso dall'ospedale: devo portare per tre mesi il corsetto, per sei mesi non posso né fumare né bere alcolici e devo seguire una alimentazione particolare. Mi ritengo fortunato a essere qui per poter raccontare questa storia; l'appello che posso fare è uno solo: a farsi male ci vuole un soffio, a guarire se tutto va per il meglio come è successo a me, ci vuole tempo e molta pazienza.

Un ringraziamento al dottor Giovanni Molinari e alla dott.ssa Elisa Materazzo, che mi hanno soccorso per primo sulla strada .

Ringrazio l’équipe medica del reparto di neuro rianimazione e neuro scienze settore 2. Un grazie di cuore al dottor Orazio Arena, che mi ha rimesso in piedi, alle dottoresse Crespi e Vismara, a tutto il personale infermieristico, in particolare Giacomo che mi ha sopportato pazientemente e mi ha risollevato il morale, ai miei familiari che mi hanno assistito giorno e notte e a tutte le persone che mi sono state vicine, e alla comunità di Monte Marenzo che ha pregato per me.

© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco