Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 364.203.712
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 22/11/20
Merate: 32 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 28 µg/mc
Lecco: v. Sora: 25 µg/mc
Valmadrera: 26 µg/mc
Scritto Mercoledì 09 novembre 2011 alle 08:15

Lecco: oltre il 96% dei consensi all’ipotesi di piattaforma per il rinnovo del ccnl Fiom

96,18% di "sì", 3,82% di "no". Il risultato del referendum sull'ipotesi di piattaforma presentata dalla Fiom Cgil per il rinnovo 2012-2014 del Contratto nazionale dei Metalmeccanici ha ottenuto in provincia di Lecco un vastissimo consenso, attestandosi su valori in linea con quelli nazionali, dove i consensi sono stati il 95,16%, e superiori al regionale (93,97%). 150 le aziende della Provincia chiamate a esprimersi in merito alla rivendicazione contrattuale che prevede specifici accordi relativi ad aspetti normativi e contrattuali per la categoria dei metalmeccanici, per un totale di 10.948 lavoratori coinvolti su un totale di 12.230. Ad esprimersi con il proprio voto sono stati 5.983, il 54,65%, di cui 5.588 hanno condiviso le rivendicazioni contenute nell'ipotesi di piattaforma proposta dal sindacato. "L'aspetto principale dell'accordo riguarda la questione economica, vale a dire dare una risposta ai lavoratori garantendo l'aumento di 206 euro non soltanto allo scatto del 5° livello, ma anche al terzo e al quarto" ha spiegato il segretario lecchese Diego Riva "perché l'inflazione economica e la diminuzione del potere d'acquisto colpiscono tutti gli operai indistintamente. Non sarà più possibile inoltre che il ccnl venga derogato a livello aziendale, e vogliamo perseguire un modello democratico che permetta ai lavoratori di votare anche in presenza di piattaforme separate. Chiediamo a Fim e Uil di decidere insieme le regole per il rinnovo della contrattazione nazionale, per arrivare a soluzioni unitarie". Il prossimo passo sarà la discussione della piattaforma con la controparte, Federmeccanica.

  • Per visualizzare il risultato del referendum clicca qui:

  • Per visualizzare i contenuti dell'ipotesi della piattaforma clicca qui
R.R.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco