Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 394.452.622
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 13/05/2021
Merate: 12 µg/mc
Lecco: v. Amendoa: 2 µg/mc
Lecco: v. Sora: < 2 µg/mc
Valmadrera: 7 µg/mc
Scritto Lunedì 03 ottobre 2011 alle 16:26

In Romania ai semafori cartelli invitano a non dare soldi ai questuanti


"Il tuo denaro non lo aiuta. Dì no all'accattonaggio. Campagna per prevenire e combattere l'accattonaggio"
. L'invito pressante, con tanto di mano allungata con nel palmo le monetine, arriva direttamente dalla Romania, terra di origine della maggior parte dei questuanti che si trovano ai semafori delle nostre strade. Agli incroci delle principali strade delle grandi città, infatti, le autorità hanno fatto apporre il cartello, scritto a caratteri cubitali, rosso e nero, con disegno esplicativo, dove si invitano gli automobilisti a desistere da quella che, solo in apparenza, sembra una pratica di sostegno e invece tale non è.

© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco