• Sei il visitatore n° 476.089.007
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Giovedì 29 settembre 2011 alle 15:59

Lecco prima provincia nella prevenzione di tumori con gli 'screening'. Ciclo di incontri

Si è tenuta ieri mattina, nell'aula gialla della palazzina amministrativa dell'ospedale Manzoni di Lecco, la conferenza stampa per specificare il senso e la portata delle attività di prevenzione tumorale, riguardanti i tre tumori più frequenti: al colon, al polmone e al seno.

Il Dg dell'Azienda ospedaliera Mauro Lovisari, il dg dell'Asl Marco Votta e la dottoressa Ilardo Antonina responsabile screening Asl di Lecco

L'iniziativa, organizzata dall' azienda ospedaliera, in collaborazione con l'ASL e con il patrocinio delle amministrazioni comunali di Lecco e Merate, si concretizzerà in serate di incontro e discussione con gli specialisti dell'ospedale.
Per la città di Lecco, l'amministrazione comunale ha messo a disposizione il Centro Sociale di Germanedo (Via dell'Eremo,28) dove avranno luogo gli incontri del 4 ottobre alle 20.30 sul tumore al colon, quello del 18 ottobre per il tumore al polmone e quello dell'8 novembre sul tumore al seno (sempre alle 20.30).
A esordire in conferenza stampa è stato il Direttore Generale dell'Azienda ospedaliera: Mauro Lovisari che ha sottolineato il ruolo attivo dell'ospedale come "soggetto capace di promuovere al meglio, insieme all'Asl, la cultura della salute". La ragione di questi incontri, (le sopracitate serate a Lecco e due serate a Merate) sta nell'azione di prevenzione e intervento di cura efficace.
Lovisari ha continuato sottolineando che il reparto di Oncologia dell'Ospedale è in grado di dare ai cittadini della provincia di Lecco la stessa efficacia diagnostica del Centro Tumori di Milano grazie a specialisti e tecnologie adeguate, con tempi d'attesa inferiori rispetto a quelli di una grande metropoli. E ha ringraziato, in maniera sentita, il mondo del volontariato, di cui era presente Mauro Bolis per la LILT ( Lega italiana per la lotta contro i tumori), che costituisce "il terzo braccio, supporto all'Azienda ospedaliera e all'Azienda Sanitaria Locale, grazie al quale è effettivamente possibile realizzare un servizio d'eccellenza".
Ha poi preso la parola Marco Votta, direttore generale dell'ASL, ricordando che la Provincia di Lecco è la prima in Lombardia per le adesioni agli screening del colon retto e della mammella e che "l'azienda sanitaria locale ha un importante ruolo di prevenzione grazie alle risorse che vengono investite per gli screening, le attività di sensibilizzazione alle persone e le attività di formazione per gli operatori che lavorano nell'ambito della prevenzione sanitaria".
E' entrato più nello specifico il dottor Ardizzoia, direttore del reparto di Oncologia medica dell'Ospedale Alessandro Manzoni di Lecco: "i tre tumori che verranno discussi nelle specifiche serate sono quelli a maggior incidenza e ad altissimo impatto sociale e umano.Sono stati fatti passi da gigante negli ultimi dieci anni nella comunicazione diagnostica. La parola cancro è meno impronunciabile di venti anni fa o, perlomeno, vogliono far in modo che lo sia davvero nuove possibilità diagnostiche, dalle chirurgiche alle radioterapiche all'introduzione sul mercato di molti nuovi farmaci, più efficaci e meno tossici, come quelli biologici. Sono molti di più i malati che guariscono e quelli che riescono a convivere, a livello sociale e umano, con la malattia. Sono questi i messaggi positivi da comunicare al cittadino sano perchè colga l'importanza della prevenzione".
La dottoressa Ilardo Antonina, responsabile screening dell'ASL di Lecco, ha sottolineato i buoni risultati degli ultimi anni, nella risposta agli inviti agli screening e il fatto che molto ancora si possa fare per includere negli esami preventivi anche quella fetta di popolazione che, ad oggi, non ha risposto. Ad esempio per gli screening mammografici, nel 2010 sono state invitate 19.594 donne e ne sono state esaminate 11.887, tra queste 794 sono state richiamate per accertamenti e 57 donne sono state operate con diagnosi di cancro maligno, 13 con diagnosi di benignità.
In chiusura, la dottoressa ha ricordato che riconoscimento dell'attività di prevenzione è arrivato alla Provincia di Lecco che è stata invitata, unica provincia in Lombardia, alla conferenza nazionale HPH a Trento dove si discuteranno le nuove tecniche nella prevenzione del carcinoma del colon rettale.
La LILT organizza per la serata di giovedì 6 ottobre alle ore 20.00 al "tennis club 88" di Valmadrera una cena a sfondo benefico a sostegno delle attività del Reparto di Oncologia dell'Ospedale, a cui parteciperanno comici, ballerini e la cantante Ivana Vanoli.
Veronica Melesi
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco