Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 429.892.874
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Martedì 27 settembre 2011 alle 07:35

Taglio ai trasferimenti: secondo l’Ifel nel 2012 per i 15 comuni col patto di stabilità, -6.6 mil di €, pari a -38.90 € per abitante

Per i comuni vincolati dal patto di stabilità, il 2012 potrebbe essere ancora più drammatico di quanto già il 2011 non sia stato in termini di taglio ai trasferimenti da parte dello Stato. Secondo infatti le simulazioni effettuate dall'IFEL (istituto finanza enti locali) per la provincia di Lecco si calcola che le 15 amministrazioni sopra i 5mila abitanti dovranno fare a meno nel complesso di 6.686.574 di euro, pari a una decurtazione di 38.90 euro pro capite.
Nell'anno in corso i trasferimenti erariali hanno fatto contare un - 5.8 milioni di euro per i 90 comuni, con decurtazioni fino al 15% in comuni come Merate e Lecco, per raggiungere picchi del 20% a Calco, del 18,6% a Olgiate e del 17,8% a Olginate. Una situazione che, come prevedibile, negli anni è andata peggiorando in maniera costante e marcata e che minaccia di non arrestarsi. Fino a quando non si sa.


L'ultima simulazione Ifel sul 2012 per gli enti vincolati dal patto di stabilità parla appunto di un'altra pesantissima scure mentre manca ancora il decreto attuativo che dettaglia i criteri affinchè gli enti che rispetteranno 11 parametri potranno dirsi svincolati dal patto.
La città capoluogo dovrà attendersi un taglio di oltre 2 milioni di euro per il prossimo anno, che significa - 45 euro per abitante. Sul secondo di questa non certo felice scala, troviamo Oggiono con -256mila euro pari a -44 euro pro capite. Terzo posto per Galbiate con - 356mila € e una riduzione di 41 euro per abitante. Barzanò dovrò stringere ancora di più i denti: nel 2012 l'Ifel prevede che le sue casse non riceveranno 206mila euro, Valmadrera ne perderà 418mila, Missaglia 301mila, Casatenovo ben 453mila. Per il meratese ad aprire la classifica dei più penalizzati c'è Olgiate con - 232.939 euro pari a -37 euro per abitante. Non sta di certo meglio Merate con -537mila euro (-36,15 euro pro capite). Seguono Calco (-167mila euro) e Robbiate (-158mila euro).
Per visualizzare la simulazione sull'intera Lombardia clicca qui.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco