Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 364.201.234
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 22/11/20
Merate: 32 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 28 µg/mc
Lecco: v. Sora: 25 µg/mc
Valmadrera: 26 µg/mc
Scritto Venerdì 26 agosto 2011 alle 09:14

Merate: la Calvi ''aperta per ferie'', turni dei lavoratori per rispondere alle richieste

È un'estate in "controtendenza" rispetto alla maggior parte delle aziende del territorio quella della Calvi S.p.a. di Merate, specializzata in profili in acciaio che, forte di un incremento di richieste da parte del mercato che porterà entro la fine del 2011 alla nuova assunzione di una decina di lavoratori, è rimasta "aperta per ferie". In accordo con i sindacati e per soddisfare le richieste di prodotti, infatti, l'azienda ha chiuso i battenti solo nei giorni centrali di agosto, a differenza degli anni precedenti in cui la produzione cessava per 4 o addirittura 6 settimane nel mese più "gettonato" per le vacanze estive anche a causa delle difficoltà che l'avevano coinvolta. I lavoratori quest'anno si sono presi il meritato riposo a turno e la produzione, seppur ridotta, è rimasta attiva in modo costante. Una soluzione che potrebbe essere valutata anche per i prossimi mesi. I dipendenti dell'azienda fondata nel 1950 sono 160, dall'inizio del 2011 ne sono stati assunti 7- 8 e in base all'accordo sottoscritto fra sigle sindacali e proprietà lo scorso luglio il personale sarà ulteriormente incrementato entro fine anno. Altri termini della sottoscrizione indicano l'impegno da parte dell'azienda nel trasformare i contratti a tempo determinato in rapporti di lavoro a tempo indeterminato, più riunioni delle Rsu sindacali in merito a sicurezza sul lavoro, orari, inquadramento e prevenzione e l'aumento fino al 2% del fondo previdenziale aziendale destinato ai dipendenti. Dopo un estate di lavoro, l'autunno per l'azienda meratese si prospetta tutt'altro che negativo.
R.R.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco