• Sei il visitatore n° 484.902.310
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Giovedì 22 settembre 2022 alle 18:08

Parco Curone: acquisto vicino di 2 terreni ad Olgiate per parcheggio e ''zona umida''

Il Parco di Montevecchia e della Valle del Curone si prepara ad acquistare due aree private strategiche nel territorio di Olgiate Molgora. La prima di 2 mila mq in Località Olcellera per fini ambientali: rinaturalizzare a zona umida e preservare un vecchio stagno che aveva perso le sue caratteristiche originarie. La seconda di una dimensione doppia, circa 4 mila mq, a Pianezzo, per la realizzazione del famoso parcheggio che attutisca l'impatto viabilistico dei visitatori nei fine settimana primaverili ed autunnali.

In giallo la zona umida in Località Olcellera

 

Per entrambi gli appezzamenti la concretizzazione della compravendita è ormai prossima. Nel caso di Olcellera l'importo è stato concordato per 18 mila euro. L'area, di forma trapezoidale, è situata in una conchetta pianeggiante. Sui lati Nord ed Ovest è contornata da una siepe, che lo separa dai prati adiacenti e dai terrazzamenti di monte coltivati, sul lato Sud è separata dalle abitazioni da una recinzione a rete metallica. Ma, cosa più importante ampliando lo sguardo è che il terreno è a ridosso del perimetro settentrionale di confine tra il Parco regionale di Montevecchia e della Valle del Curone e il PLIS Monte di Brianza. La diretta gestione da parte dell'Ente Parco è da garanzia rispetto al rischio di uno sfruttamento meno appropriato della conca. Inoltre la zona è vicina alla rete sentieristica esistente, compreso il Sentierone, tanto che potrebbe essere qualificata ricettivamente con la creazione di un'area di sosta munita di tavoli e panche per far rifocillare i visitatori.

Attualmente una parte del terreno è condotta a prato stabile, regolarmente sfalciato. La porzione orientale invece di recente è già stata rigenerata a zona umida dal Parco stesso, in accordo con il privato, grazie a un contributo della Fondazione Cariplo. In cambio di questo intervento migliorativo la proprietà era stata vincolata a non modificare lo stato del luogo in un arco di tempo pluriennale. Sono presenti alcuni alberi isolati di salice, acero e betulla.

L'acquisto di aree da parte del Parco del Curone più chiacchierato, almeno nell'ultimo anno, è però l'altro. Prima irremovibilmente contrario, il proprietario del fondo si è poi reso disponibile a discutere della vendita e, tra un tira e molla e l'altro, sembra che si sia convinto per circa 50 mila euro. L'operazione, tra tasse e oneri, costerà al Parco 71.380 euro e si concluderà soltanto se verrà finanziata interamente con un contributo regionale di pari importo, cosa pressoché certa. Il campo attualmente a prato si trova in corrispondenza dell'incrocio tra via Pianezzo e via delle robinie. Fino a qualche tempo fa si potevano apprezzare una serie di piante, tra alberi e un roveto.

L'area destinata a parcheggio a Pianezzo

La posizione del futuro parcheggio, che ha le potenzialità per ospitare 150-200 veicoli contemporaneamente, è azzeccata. Si trova nei pressi dell'ex sedime ferroviario, dove è in progetto il passaggio della lunga pista ciclopedonale "Greenway". Per i visitatori sarà quindi comodo poter lasciare l'auto così vicino all'infrastruttura a servizio della mobilità lenta, che smisterà il flusso dei fruitori fino ad ora concentrato nella valle del Curone ma che, con la Greenway, potrebbe spingersi oltre. La localizzazione del parcheggio inoltre sarà funzionale a chiudere il transito nelle domeniche di primavera e autunno a Pianezzo, non ammettendo più il passaggio per le soste fino alla Fornace. Il traffico sarà così dirottato alla Sbianca che non è densamente abitata come il quartiere di Pianezzo.

Per la realizzazione del parcheggio si cercherà un compromesso dal punto di vista paesistico, in modo che lo spazio per servizi sia il meno impattante possibile dal punto di vista estetico ed ambientale. Il pavimento verosimilmente sarà in selciato e ci sarà una schermatura alberata. Data la vicinanza con la futura Greenway è possibile che vengano installati degli stalli per il deposito e la ricarica delle biciclette elettriche del bike sharing.

La richiesta di contributo a Regione Lombardia per l'acquisto dell'area anticipa per via delle scadenze regionali lo studio sulla fruizione del Parco commissionato nella scorsa primavera all'ingegner Andrea Debernardi e atteso per le prossime settimane. Tra gli obiettivi dello studio incaricato c'era anche quello di individuare le zone strategicamente più rilevanti per la realizzazione di nuovi parcheggi. Non serve attendere i risultati dell'ing. Debernardi per intuire che il futuro parcheggio di via delle Robinie costituisca un elemento determinante per la realizzazione della cosiddetta ZTL del Parco del Curone.

Una vecchia immagine satellitare del terreno di Pianezzo

 

Con la stagione delle castagne alle porte, intanto non si può aspettare la concretizzazione del nuovo assetto. Il Comune di Olgiate Molgora provvederà perciò a chiudere il traffico a Mondonico e Beolco, con le modalità e le caratteristiche già sperimentate di recente. Il divieto di transito varrà di domenica, dal 2 ottobre al 13 novembre. Ordinanze simili, in attesa di stabilire qualche dettaglio, saranno prodotte anche a La Valletta Brianza e Sirtori (Montevecchia ha già provveduto). Il Parco del Curone è all'opera per riproporre il servizio navetta.

M.P.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco