• Sei il visitatore n° 507.211.920
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Venerdì 09 settembre 2022 alle 14:55

Osnago: Terlizzi torna a casa. Il giudice concede i domiciliari

Il giudice per le indagini preliminari dottoressa Silvia Pansini al termine di una breve udienza che si è tenuta questa mattina, preso atto delle motivazioni esposte dall'avvocato Marcello Perillo dello studio SLC - Milan Law firm, ha revocato l'ordinanza di custodia cautelare in carcere disponendo gli arresti domiciliari per l'ex naufrago Francesco Terlizzi, ora residente nel milanese ma per un certo periodo di tempo con casa a Osnago.

Francesco Terlizzi con gli avvocati difensori Antonino Crea e Marcello Perillo

Il dispositivo, applicato alle imputazioni che gli vengono mosse nel capo 28 dell'ordinanza e relative alle presunte truffe assicurative poste in essere da Terlizzi che, secondo l'impianto accusatorio tutto ancora da dimostrare, si sarebbe occupato di procacciare i clienti per le truffe, è entrato in vigore da subito tanto che i legali dell'ex pugile e concorrente dell'Isola dei Famosi si sono già recati presso il carcere per poterlo poi portare al domicilio, nella sua abitazione di Cologno monzese.

"Si tratta di un risultato straordinario e insperato dati i capi di imputazione e il contesto in cui si inserivano le accuse a carico del nostro assistito, dalla associazione a delinquere di stampo mafioso fino al traffico di droga e armi" ha commentato l'avvocato Crea titolare dello Studio "Le possibilità di ottenere i domiciliari erano molto remote ma con il collega Perillo abbiamo preparato una difesa molto tecnica e puntuale e il giudice ha accolto le nostre richieste non convalidando il fermo ma concedendo i domiciliari. Siamo molto soddisfatti di questo primo risultato che conferma la bontà delle nostre tesi difensive".


Nel medesimo contesto il GIP ha dichiarato la propria incompetenza territoriale in favore dell'autorità giudiziaria di Milano cui sono stati inviati gli atti al pubblico ministero.

 

Articoli correlati

© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco