• Sei il visitatore n° 484.478.163
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Sabato 06 agosto 2011 alle 17:03

Lomagna: da vittime  a carnefici (perché loro hanno il diritto di divertirsi). Ecco che succede a denunciare certe situazioni

Lomagna, tutti i giorni una rissa
messaggio: Ho letto con curiosità quanto è stato scritto da altri riguardo al bar del "centro" a Lomagna dove ci sono le risse. Purtroppo io risiedo vicino al bar in questione e, cogliendone lo spunto, vorrei brevemente accennare quanto in realtà la situazione sia ben più insopportabile. Premetto che ho avuto diversi ripensamenti prima di scrivere soprattutto ho paura delle possibili ritorsioni (già in passato subite), ma ormai la misura è colma. Alcuni hanno scritto che il bar è frequentato da famiglie, da giovani che vogliono "... vivere simpaticamente la propria gioventù..." non so se questo sia vero e non mi interessa nemmeno indagare in tale senso, l'unica cosa che constato concretamente, direi quasi ogni sera e notte da ormai 10 anni a questa parte, è che il bar è il luogo di ritrovo di molte persone maleducate, incivili e forse, spero senza rendersene conto, prive di rispetto per gli altri. Essendo il locale in una zona residenziale, è mai possibile che non ci si accorga del fastidio provocato dal caos che si crea? Sono ben 10 anni che sopportiamo il rumore notturno prodotto da questo locale. Capisco che i proprietari del bar abbiano diritto di vivere e di guadagnarsi il pane, ma non riesco a comprendere perchè noi residenti dobbiamo perderci in salute e tranquillità!! Credo che ci si possa venire incontro a vicenda, trovare una soluzione comune... Per non parlare del "decoro" dell'ambiente nella zona: macchine parcheggiate ovunque, bottiglie ogni dove, cespugli che diventano, in funzione delle esigenze, vespasiani, qualche preservativo per terra. Potrei continuare ma mi fermo qui rendendomi conto che questo non è ne lo spazio e tantomeno il luogo per trattare situazioni così delicate, il mio è stato uno sfogo dopo ormai anni di inutili tentativi per risolvere il problema (in 10 anni non siamo riusciti ad aver mai alcuna ragione) provate voi a mettervi nei nostri panni. A questo punto mi sono quasi convinto che le uniche soluzioni siano 2: sopportare o trasferirsi, certamente dispiace lasciare la propria casa dopo 40 anni... Vorrei concludere mettendo le mani avanti: in queste discussioni si rischia sempre di passare da vittima a carnefice ("... non ci si può nemmeno divertire...") se questo avvenisse, beh sarebbe proprio l'assurdo, giudicate voi chi sono le vittime in questa situazione.
Un residente
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco