• Sei il visitatore n° 468.097.700
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 16 maggio 2022 alle 11:50

Parco del Curone: convenzione per la creazione di un apiario

Facendo seguito alla Convenzione stipulata tra la società FOMAS Spa e il Parco di Montevecchia e della Valle del Curone, sono state posate 4 arnie che costituiscono la base di un apiario aziendale che FOMAS Spa sta realizzando in un'area di proprietà del Parco.

Il progetto, gestito da Apiculturaurbana.it, prevede l'installazione e la conduzione completa di un apiario aziendale composto da quattro alveari popolati da api della famiglia di razza italiana (Apis mellifera ligustica).
Inoltre a supporto dell'iniziativa saranno organizzati eventi dedicati al personale FOMAS, volti alla formazione sul fondamentale ruolo che hanno le api nel preservare la biodiversità ambientale.
Dice il Presidente Molgora "Il Consiglio di Gestione ha subito accolto con favore la richiesta di collaborazione e ha deciso di mettere a disposizione di FOMAS Spa un'area di proprietà del Parco per aumentare la presenza delle api nell'ecosistema."
La scelta di impegnarsi nell'apicoltura rappresenta un importante contributo alla difesa del territorio e alla tutela della biodiversità.

Mauro Veca e Giuseppe Manno responsabili di Apicolturaurbana.it

In questi anni la presenza delle api, e degli insetti impollinatori in genere, è messa fortemente a rischio dalle mutazioni climatiche e dall'utilizzo di pesticidi che ne pregiudicano la sopravvivenza, con il rischio di una progressiva riduzione della riproduzione della flora. L'intervento produce quindi i suoi effetti non solo nell'ambito direttamente interessato dalla presenza delle arnie, ma anche nel territorio circostante, che si avvantaggerà dell'attività di impollinazione delle api.
Jacopo Guzzoni, presidente del Gruppo FOMAS «Sono sempre stato un frequentatore del Parco del Curone, e il legame molto forte con questo territorio mi ha spinto a realizzare un progetto che potesse coniugare due mondi apparentemente lontani: quello della fabbrica e quello del Parco. E l'iniziativa dell'apiario coglie non solo questo obiettivo, ma anche molti altri dal valore intangibile. Da sempre la formazione è alla base dei progetti di FOMAS, per questo si è deciso di non limitarsi alla sola installazione dell'apiario, ma sono in previsione eventi formativi rivolti al personale dell'azienda e alle loro famiglie per sensibilizzare il maggior numero di persone.»
«Oggi i progetti di apicoltura urbana sono diffusi in tutto il mondo. Secondo le Nazioni Unite, sono a rischio estinzione il 40% degli alveari: fare apicoltura in città e nei parchi è possibile e vuol dire proteggerle.» commenta Giuseppe Manno, co-fondatore ed ideatore del progetto Apicolturaurbana.it.
Le api sono, infatti, esseri viventi fondamentali per l'ambiente e per la sopravvivenza del genere umano, soprattutto per il loro prezioso lavoro di impollinazione: la FAO ha stimato che 71 colture su 100 finiscono sulle nostre tavole grazie al lavoro delle api e che il valore aggiunto dell'impollinazione per le coltivazioni di interesse alimentare in Italia ammonta a 1500 milioni di euro all'anno. Negli ultimi tempi, però, l'inquinamento e l'uso sempre più massiccio di insetticidi, diserbanti e fitofarmaci e l'erosione della diversità biologica causata dall'agricoltura industriale stanno mettendo
a dura prova le api e tutti gli impollinatori che sono alla base del delicato equilibrio dell'ecosistema terrestre. L'apicoltura urbana gioca, per questo, un ruolo di primo piano e costituisce pregio e valore aggiunto delle scelte aziendali: le aree urbane, come in questo caso un parco circondato da comuni, sono diventate luoghi sicuri per le api, lontani dall'inquinamento chimico legato all'agricoltura industriale.

Jacopo Guzzoni e Marco Molgora


Parco Regionale di Montevecchia e della Valle del Curone è un'area molto diversificata in cui sono presenti, oltre a zone di rilevante interesse ambientale, anche centri urbani, insediamenti produttivi, aree destinate all'agricoltura e all'allevamento accanto a monumenti architettonici di grande valore artistico e culturale. Esso coincide con l'estremo lembo verde, o comunque ricco di elementi naturali, della Brianza sud-orientale, compenetrandosi con la pianura agricola ed industriale, ai bordi delle ultime propaggini della conurbazione metropolitana milanese.

FOMAS Spa, sita a Osnago, è la società madre del Gruppo FOMAS che ad oggi conta 8 stabilimenti localizzati strategicamente nel mondo. Nata nel 1956 da un'idea del Professore di Metallurgia Gastone Guzzoni, oggi il Gruppo produce forgiati, anelli laminati e polveri metalliche per diversi mercati. Oggi la terza generazione conserva la visione del fondatore nel mantenere il Gruppo all'avanguardia in termini di innovazione.

Apicolturaurbana.it viene fondata nel 2017 da Mauro Veca, apicoltore urbano a Milano da oltre 20 anni, e Giuseppe Manno. Ad oggi è la prima realtà in Italia in grado di fornire soluzioni e strumenti per l'installazione degli apiari sui tetti, parchi, terrazzi e giardini di uffici ed aziende. L'apicoltura urbana ha fatto il suo ingresso nei progetti di CSR e ESG di diverse aziende e realtà industriali e oggi si trovano alveari sui tetti di tantissime città in tutto il mondo.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco