• Sei il visitatore n° 484.478.435
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Sabato 23 luglio 2011 alle 16:32

Lomagna: quando la viabilità uccide il commercio

Non sono mai riuscita a comprendere il problema del traffico del centro "città".
Abito, da sempre, in piazza della Chiesa e tutti i giorni, in pieno orario di punta, mi reco al lavoro. Appare logico che il traffico cresca in tali momenti, ma PRIMA non mi è mai capitato di dover attendere piu' di 1 minuto per uscire o entrare dal portone del "Lazzaretto" in macchina.
Adesso si è creato un pericoloso problema poichè i pochi mezzi che passano sfrecciano ad alta velocità e spesso contromano (specialmente di sera).

Le piste ciclabili sono diventate parcheggi per le auto e molto pericolose per i pochi ciclisti.

Il vero problema della piazza è la penuria di parcheggio e per risolverlo A COSTO ZERO, come suggerito piu' volte al comune, basterebbe aprire l'inutilizzato anfiteatro di piazza Limonta come accadeva fino a qualche anno fa.

Il costo, in termini economici e di disagio causato ai Lomagnesi per favorire i pochissimi che passano giornalmente in bicicletta o a piedi, mi pare ASSOLUTAMENTE SPROPOSITATO.
Basti pensare, ad esempio,  che per andare a Maresso si impiega più tempo ad uscire da Lomagna che a raggiungere la destinazione.

Lo scorso settembre ho invitato il sindaco e l'assessore nel mio negozio per contare insieme, al di fuori dell'orario delle funzioni religiose, quante persone a piedi o in bicicletta percorrono il centro paese. Li sto ancora aspettando...

Quelle poche attività commerciali sopravvissute, che i signori del comune dicono di voler proteggere, scompariranno nel giro di breve.
Chi perderà tempo a seguire percorsi astrusi costellati da sensi unici impazzendo per trovare un parcheggio, per comprare un trancio di pizza o per lavare i panni in tintoria?
Ricordiamoci, infatti, che i negozi non vivono solo grazie ai pedoni Lomagnesi, ma anche grazie a tutti i passanti che per lavoro o diletto transitano per il nostro bel paese
Tiziana Comi
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco